Stefano Pioli: "Poca qualità, c'è rammarico. Suso oggi poteva determinare"

Pioli a Sky: “Poca qualità, c’è rammarico. Suso oggi poteva determinare”

Nel dopo-partita di Milan-Sampdoria, l’allenatore milanista, Stefano Pioli, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai colleghi si Sky.

Al termine di Milan-Sampdoria, il tecnico rossonero, Stefano Pioli, ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “Volevamo vincere e riprendere il nostro campionato con una vittoria, ma non ci siamo riusciti. Questo è deludente. Abbiamo fatto la partita, abbiamo giocato un numero impressionante di palloni nella loro area ma ci è mancata la qualità: senza questa è difficile vincere le partite. Non ci è mancata la voglia ma ci è mancata la situazione giusta”.

Ibrahimovic è entrato in campo nella ripresa: “L’impatto è stato assolutamente positivo – ha affermato Stefano Pioli – ha dato subito sostegno, ma la squadra non è ancora abituata alla sua presenza. Nel finale potevamo cercarlo di più, la sua prestanza fisica ci dà qualche soluzione in più. La qualità non è soltanto nel passaggio ma nelle scelte da fare. La disastrosa sconfitta di Bergamo ci è rimasta dentro, ci siamo macerati arrivando a questa partita. Volevamo questa vittoria, c’è un po’ di rammarico”.

Leao Suso Stefano Pioli Milan-Sassuolo

Si parla anche della possibilità di intervenire sul mercato a centrocampo: “I centrocampisti del Milan hanno buone caratteristiche. Stiamo passando un momento particolare, ma le qualità ci sono. Nel primo tempo siamo stati ordinati, ci sono le qualità per fare sicuramente meglio. Ci sono ancora tante partite in cui il Milan può incidere”.

Una considerazione anche su Suso, ancora una volta disastroso per tutti i novanta minuti: “Lo sviluppo offensivo che avremo in futuro con la probabile presenza di Ibra è tutto da studiare e sviluppare. Suso oggi ha avuto delle occasioni per determinare la gara e non c’è riuscito, ma è accaduto anche ad altri calciatori. Alcune situazioni potevano essere concretizzate in maniera differente. Ibra sta facendo il centravanti, poi vedremo se giocheremo con lui e un altro. Insieme a Piatek? Si può fare, basta mantenere l’equilibrio di squadra”.

Aggiornato il: 06-01-2020