Milan, da Ibra a Leao e Rebic: le punte sono in bilico

Ibra, Leao e Rebic: Milan, l’attacco è in bilico

Nessuno di loro è certo di restare. Il Milan potrebbe presentarsi nella prossima stagione con un reparto offensivo tutto nuovo.

In estate il Milan potrebbe ritrovarsi con un attacco da rifare. Al momento, infatti, nessuno dei tre centravanti attualmente presenti in rosa è certo di restare in rossonero anche nella prossima stagione. A cominciare da Zlatan Ibrahimovic, volato nei giorni in scorsi in Svezia per avvicinarsi alla sua famiglia e al contempo allontanarsi dell’emergenza Coronavirus.

Rafael Leao
Nella foto: l’attaccante del Milan, Rafael Leao

Alla ripresa del campionato (sempre che questo accada), Ibra, che non è più un ragazzino, si troverà a guidare l’attacco rossonero, che – come riporta La Gazzetta dello Sport – non ha certezze per il futuro. I compagni di avventura dello svedese sono un 20enne ancora sperduto tatticamente (Rafael Leao) e un 26enne in calo (Ante Rebic). Il giovane portoghese dovrà approfittare delle ultime gare della stagione per dimostrare di essere il talento che molti pensano che sia. Ma l’equivoco tattico resta: è una prima o una seconda punta? A Pioli il compito di sciogliere definitivamente il dubbio.

Lo stesso Rebic, nonostante i gol messi a segno in questo 2020, non è un centravanti puro. Il croato è in prestito biennale, quindi ci sarebbe tutto il tempo per sistemare le questioni contrattuali, ma avrà voglia di restare in un Milan che forse non sente tanto suo, si chiede la Gazzetta? Anche lui, come i colleghi, è in bilico.

Aggiornato il: 21-03-2020