Le parole di Ivan Gazidis durante un’intervista.

Ivan Gazidis ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport, parlando, tra i tanti temi, del progetto che vede coinvolti i giovani nel Milan: “La mia esperienza inizia negli Usa, là il successo della Mls dipende proprio dal formare giovani calciatori americani. In Premier abbiamo rinnovato completamente il percorso di sviluppo dei calciatori inglesi, ai club venivano dati incentivi per sviluppare le Academy ma dovevi soddisfare standard molto. All’Arsenal è stato investito tanto denaro in un programma dai 9 ai 16 anni: abbiamo scelto uno staff totalmente internazionale. I giocatori che all’epoca avevano 12 anni, ora sono i nazionali Saka, Sancho… La filosofia era quella non di proteggerli dalla competizione, al contrario di esporli: quindi non l’obbligo di avere un certo numero di giocatori inglesi in squadra, ma l’obbligo di rispettare certi standard, così i giocatori inglesi dovevano essere all’altezza. Nessuno può pensare oggi di vincere solo con campioni già affermati. Credo che il calcio italiano sia un po’ conservatore, come quello inglese 10 anni fa, deve guardare non solo avanti ma anche fuori, ci sono idee interessanti in giro. Però qualcosa sta cambiando, la Nazionale lo dimostra“. 

Esultanza Milan

rassegna stampa

ultimo aggiornamento: 24-09-2021


Milan, insulti a Maignan, il tifoso si scusa: “Sono stato un idiota”

Milan, le notizie sul nuovo stadio: renderebbe 80 milioni contro i 40 del San Siro