Lo spagnolo voleva attuare una sorta di rivoluzione, mentre il tedesco nutre dei dubbi sul budget per il mercato. Ecco perché, alla fine, Pioli potrebbe restare al Milan.

Alla fine, Stefano Pioli potrebbe spuntarla sulla concorrenza e restare al Milan. Anche perché sarebbero sorti dei “problemi” con gli altri papabili alla panchina rossonera. I vertici di via Aldo Rossi hanno avuto dei contatti con Marcelino, ma l’allenatore spagnolo – secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport – avrebbe fatto una richiesta ben precisa ma… forse un tentino esagerata: quindici giocatori diversi. Insomma, l’ex tecnico del Valencia avrebbe voluto attuare una sorta di rivoluzione.

Ralf Rangnick
Nella foto: il manager tedesco Ralf Rangnick

In salita anche la strada che porta a Ralf Rangnick, che resta comunque la prima scelta dei dirigenti del Milan. Stando sempre a quanto riferito dalla Gazzetta, la trattativa con il manager tedesco sarebbe in standby: il nodo più complicato da sciogliere sarebbe il budget a disposizione per il mercato. Ecco perché le quotazioni di Stefano Pioli sarebbero in costante rialzo. La proprietà rossonera apprezza il lavoro svolto dal coach emiliano, il quale ha instaurato un ottimo rapporto con lo spogliatoio. Insomma, tutte le strade portano alla conferma dell’attuale allenatore, ma l’opzione Rangnick continua a stuzzicare – e non poco! – sua Gazidis che Gordon Singer.

TAG:
Marcelino Ralf Rangnick Stefano Pioli

ultimo aggiornamento: 24-04-2020


Calabria: “Per me non è stato un anno positivo”

Iss, Brusaferro: “Numeri in calo, ma serve ancora prudenza”