Se Leao e Rebic, a sinistra, hanno dato un buon contributo in termini di gol, lo stesso non si può dire di Diaz e Calhanoglu al centro e di Castillejo e Saelemaekers a destra.

Inutile girarci intorno: in questo Milan, l’unico attaccante continuo e letale sotto-porta è Ibrahimovic. Basta dare un’occhiata ai numeri in campionato del reparto offensivo rossonero per rendersi conto della situazione.

Ibrahimovic 14
Leao 5
Rebic 4
Saelemaekers 2
Diaz 1
Castillejo 1
Calhanoglu 1
Mandzukic 0

Hakan Calhanoglu
Nella foto: Hakan Calhanoglu

Alle spalle di Ibrahimovic c’è il vuoto. Tutto sommato, gli esterni di sinistra (Leao e Rebic) hanno dato un onesto contributo in termini di gol (nove in totale). Lo stesso, invece, non si può dire della fascia destra: Saelemaekers e Castillejo, infatti, hanno realizzato la miseria di tre reti complessive in Serie A. Decisamente pochi. Male anche la coppia di trequartisti composta da Calhanoglu e Brahim Diaz, autori di un gol a testa.

TAG:
Ibrahimovic Milanello

ultimo aggiornamento: 16-02-2021


Lippi: “Romagnoli? Un buon giocatore”

L’infermeria si svuota: ora Pioli ha una rosa ampia