È uno dei pochi a metterci sempre la faccia, lo ha fatto anche dopo la figuraccia di Bergamo. Boban ha la fiducia del club.

Tutto chiarito. Tra Zvone Boban e il fondo Elliott è tornato il sereno. Come riporta La Gazzetta dello Sport, i proprietari del Milan avevano interpretato le parole del Chief Football Officer milanista nel post partita di Bergamo (“Il mercato? Vedremo quello che ci permetteranno di fare”) come un’esortazione a investire. Ma se si parla di investimenti, va detto che Elliott non ha mai fatto mancare il proprio supporto.

Boban Becir Omeragic Stanislav Lobotka Juan Foyth ranking uefa Casa Milan Demiral

Ma il messaggio del dirigente rossonero non era indirizzato alla famiglia Singer. Il rapporto tra Boban e Gordon (figlio di Paul Singer) è solido e i contatti tra loro sono contatti frequenti. Quella frase (“Vedremo cosa ci permetteranno di fare”) era riferita ai vincoli del Financial Fair Play e alle difficoltà tipiche del mercato invernale. Insomma, è tutto sistemato. Tra l’altro – come riferisce il Corriere della Sera – risulta che negli uffici di Elliott ci sia una certa stima nei confronti di Zvonimir Boban, del quale si apprezza il coraggio di metterci sempre la faccia, anche dopo una figuraccia tremenda come quella rimediata contro l’Atalanta. Il croato è stato l’unico, tra i dirigenti, a parlare nel dopo gara.


Milan, niente rivoluzioni: Elliott compatta i dirigenti

Milan, la posizione di Maldini resta delicata