Il fondo Elliott vuole lasciare il Milan in buone mani, ma deve prima riuscire a risollevarlo. Gazidis aspetta segnali da Londra.

I vertici del Milan stanno approfittando dello stop forzato per organizzare la strategia per la prossima stagione. Il club si appresta a vivere l’ennesima rivoluzione societaria. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Gordon Singer, il figlio del fondatore di Elliott, ha le idee chiare: creare un club modello. Per qualche altra stagione ci sarà da soffrire, ma l’idea è che si possa poi sentirsi più sicuri di ripartire da basi certe.

Rangnick Elliott Ivan Gazidis Milan Allegri
Ivan Gazidis

Elliott, ovviamente, è un “traghettatore”. L’intenzione del fondo statunitense, infatti, è sempre stata quella di vendere il Milan, ma vuole lasciarlo in buone mani. Soprattutto, vuole farlo dopo aver risollevato il più possibile le sorti della società di vis Aldo Rossi. Non è filantropia – scrive la Gazzetta – ma si tratta di business: per essere spendibile sul mercato, il marchio Milan deve ritrovare un po’ dell’antico splendore. Il ritorno in Champions – manco a dirlo! – è l’unica soluzione. Toccherà a Ivan Gazidis, l’uomo solo al comando, portare a termine il piano di Elliott. L’amministratore delegato rossonero è in attesa di notizie dalla sede di Londra, ma di questi tempi è difficile organizzare meeting.

TAG:
Elliott Gordon Singer slider

ultimo aggiornamento: 21-03-2020


Coronavirus, Capello: “Impossibile gestire una sosta del genere”

Suso: “Difficile cominciare qualcosa di solido al Milan”