Bakayoko-Milan, il nodo con il Chelsea è la cifra del riscatto

Milan-Chelsea, il nodo per Bakayoko è la cifra del riscatto

I Blues chiedono 30 milioni di euro, i rossoneri ne offrono al massimo 25. La distanza non è incolmabile, ma per il momento l’affare Bakayoko è bloccato.

Non si sblocca l’operazione Bakayoko. La trattativa è in una fase di stallo. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, il nodo da sciogliere è legato alla cifra da fissare per il riscatto del giocatore. I Blues chiedono 30 milioni di euro, mentre i rossoneri ne offrono 25. La forbice non è eccessiva, ma è comunque importante.

Come già detto più volte, gli uomini di mercato di via Aldo Rossi, dopo aver piazzato il colpo Tonali sempre per il centrocampo, non hanno più fretta di chiudere. I dirigenti del Milan sono convinti che, con il passare dei giorni, la posizione del Chelsea possa ammorbidirsi, visto che non sembrano esserci alternative per la cessione di Tiemoue Bakayoko, il quale, tra l’altro, spinge per tornare in rossonero.

Paolo Maldini Zaccheroni
Paolo Maldini

Maldini e Massara sono ottimisti, ma stanno comunque cominciando a guardarsi intorno. Perché il calciomercato è imprevedibile ed è cosa buona e giusta farsi trovare pronti nel caso in cui i discorsi con il club londinese dovessero naufragare. Le alternative a Bakayoko restano Florentino Luis del Benfica e Boubakary Soumaré del Lille, profili che piacciono molto al Milan.

Aggiornato il: 07-09-2020