Pioli sul banco degli imputati: anche il tecnico ha le sue colpe

Milan, anche Pioli sul banco degli imputati

Il tecnico emiliano ha valorizzato tanti giocatori e ha saputo trovare una quadra tattica. Ma alcuni risultati negativi non danno ragione a Pioli.

Alla fine anche Stefano Pioli è finito sul banco degli imputati. Lo scrive il quotidiano Tuttosport, che pone l’accento sul lavoro svolto in questi mesi dall’allenatore emiliano sulla panchina del Milan. L’ex Lazio e Fiorentina si è fatto apprezzare un po’ da tutti, riuscendo a rianimare una squadra letteralmente “smontata” dalla gestione Giampaolo. Pioli, ad esempio, ha valorizzato tre acquisti come Theo Hernandez, Bennacer e Rebic, snobbati dal precedente tecnico, e rispolverato lo spagnolo Samu Castillejo, una sorta di “oggetto misterioso” che, alla luce delle prestazioni offerte nell’ultimo periodo, aveva solo bisogno di fiducia e spazio.

Castillejo Milan-Juventus Stefano Pioli Milan derby

Non solo: il mister rossonero ha trovato pure una quadra dal punto di vista tattico, optando per un sistema di gioco – il modulo 4-2-3-1 – che sembra adattarsi meglio alle caratteristiche dei giocatori presenti in rosa. Tuttavia, anche lui – come detto – è finito sotto i riflettori. Alcuni risultati, infatti, alcuni risultati (come la clamorosa sconfitta rimediata a Bergamo contro l’Atalanta, la disastrosa rimonta nel derby e il ko col Genoa a San Suro prima dello stop al campionato) non gli danno ragione.

Aggiornato il: 14-06-2020