Come massimo dirigente, Ivan Gazidis dovrebbe far sì che tutto funzioni. Al Milan, invece, al momento non funziona nulla.

Da una parte Paolo Maldini e Zvone Boban, dall’altra i vertici di Elliott. E Gazidis? Forse in mezzo… Tutto tace intorno all’amministratore delegato rossonero, ma – come evidenzia giustamente La Gazzetta dello Sport – anche lui, che come massimo dirigente dovrebbe far sì che tutto funzioni, non è esente da responsabilità. 

Fin qui, il contributo del manager sudafricano è stato – numeri alla mano – pressoché nullo. Nell’ultimo anno, i ricavi del club sono rimasti al palo, così come i risultati sportivi di una squadra sempre più deludente. Oltre a Boban e Maldini, dunque, anche Ivan Gazidis dovrebbe finire sul banco degli imputati. Sarà così?

Haaland Paolo Maldini Erling Braut Haaland

In attesa di scoprirlo, sono proprio i due dirigenti a essere al centro delle polemiche. E dei malumori del fondo Elliott, infuriato per le dichiarazioni rilasciate da Boban al fischio finale di Atalanta-Milan: “Cercheremo di fare il nostro meglio rispetto a quello che potremo fare e che ci permetteranno di fare”. Ma il principale colpevole, secondo la proprietà, è Paolo Maldini, reo di aver sprecato il budget messo a disposizione per le ultime campagne acquisti (oltre 160 milioni) costruendo una squadra non all’altezza delle ambizioni del club e degli obiettivi prefissati.

TAG:
Boban Elliott Gazidis Maldini

ultimo aggiornamento: 23-12-2019


Milan, ultimatum a Ibra: una risposta entro Natale

Milan, Pioli non è a rischio