Tre classe 1999 a capitanare il tridente offensivo del Milan.

Rafael Leao, Alexis Saelemaekers e al centro un insostituibile Brahim Dìaz. Questo il tridente delle meraviglie rossonero che sta regalando tante soddisfazioni al Milan di Pioli. Il portoghese è un mago del dribbling e sa arrivare con facilità in porta e da quest’anno sembra anche aver trovato la continuità di cui si parlava da tempo e che è sempre stata la sua nota dolente. Il belga è dotato di una resistenza disumana: corre avanti e indietro per la fascia e sa far avanzare il baricentro della squadra creando di continuo azioni pericolose. Lo spagnolo ventiduenne invece è tutto ciò che si può desiderare da un trequartista: ha dribbling, tecnica nei piedi, visione di gioco, abilità da regista e soprattutto segna nelle azioni decisive e fa segnare la squadra. Il futuro per il Milan è roseo, se questi sono i presupposti da cui partono i suoi giovani.

Alexis Saelemaekers

rassegna stampa

ultimo aggiornamento: 01-10-2021


Milan: Giroud, se ci sei batti un colpo; il francese è sottotono

Milan: Kjaer un pilastro, si attende il rinnovo