Le dichiarazioni social di Matteo Gabbia: “San Siro e il Milan sono per me una passione incredibile”.

Il giovane difensore del Milan, Matteo Gabbia, ha risposto così alle domande dei tifosi rossoneri sul profilo Instagram del Milan. “Con quale difensore mi sarebbe piaciuto giocare? Non è facile sceglierne solo uno visto che qui sono passati tanti campioni, ma se devo scegliere dico Paolo Maldini”.

Si parla anche del suo esordio in Serie A: “È stata un’emozione unica, era il coronamento di un sogno. È stata un’emozione fantastica. La prima da titolare? Ho avuto la fortuna di giocare la prima da titolare a Firenze davanti a tanti tifosi. Ero felicissimo della fiducia del mister e anche molto determinato per fare il meglio possibile. I tifosi sono unici, ci hanno sempre seguito ovunque. Non posso che ringraziarli”.

San Siro e il Milan sono per me una passione incredibile – ha affermato il centrale milanista – fin dai primi anni della mia vita hanno fatto parte della mia quotidianità, prima da tifoso e ora anche da calciatore. Non ho mai avuto un idolo in particolare, ma da piccolo mi piacevano molto Sheva e Kakà. Il mio sogno? Spero di segnare presto il primo gol a San Siro sotto la Curva Sud”.

Krunic Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

Una considerazione sullo stop imposto al campionato a causa dell’emergenza Coronavirus: “Sfortunatamente stiamo attraverso una situazione difficile. Spero che il campionato possa riprendere, ma ci sono persone che hanno studiato, che sono preparate e che sicuramente prenderanno la decisione migliore per tutti”. 

Questo, infine, il pensiero di Matteo Gabbia su Pioli e Ibrahimovic: “Con il mister ho sempre avuto con lui un rapporto sincero e schietto. Devo molto a lui perché mi ha dato fiducia in un momento importante della stagione. Anche quando non giocavo mi ha sempre trattato come un giocatore importante. Ibra è un vantaggio per tutti, è unico sia a livello di personalità che di esperienza. Ti dà tanto sia in campo che fuori”.

TAG:
Matteo Gabbia slider

ultimo aggiornamento: 05-05-2020


La Fiorentina punta decisa su Paquetà

Bollettino Coronavirus: 213.013 casi totali, 29.315 morti, 85.231 guariti