Seguici su

Notizie

Maldini al Festival dello Sport dice tutto: “Theo, Massara, Cardinale”


Il direttore tecnico del Milan Paolo Maldini ha ricordato alcune delle emozioni provate durante la vittoria dello scudetto e ha parlato anche dell’attuale progetto del club.

Dopo una carriera gloriosa da giocatore, Maldini ha deciso di tornare al Milan quando Elliott ha preso il controllo del club nel 2018 e ha iniziato un progetto che sta iniziando a raccogliere i frutti dopo lo scudetto della scorsa stagione.

Maldini è intervenuto sul palco del Festival dello Sport 2022 a Trento e gli è stato chiesto di parlare di diversi argomenti nell’ambito dell’evento, accolto sul palco tra i canti di ‘C’è solo un capitano!’. Le sue parole riportate da MilanNews .

Paolo Maldini

Dopo aver vinto il campionato lo scorso maggio, il tuo primo titolo da dirigente…

“Molto importante e molto diverso, non giocando non scarichi l’adrenalina che accumuli. Hai tensione prima della partita ma non hai la possibilità di giocare. Guarda, è un lavoro completamente diverso. quando sono arrivato qui nel 2018 dovevo ancora avere una visione generale di cosa deve essere un manager. Da allora ho avuto una buona esperienza. Sono stati tre anni meravigliosi, un progetto che ha dato grandi soddisfazioni alla società e ai tifosi”.

Quali sono i ricordi della stagione che mi vengono in mente?

Quando ho firmato per il Milan, i momenti di difficoltà: non mi sentivo né pronto né adeguato, Leonardo mi ha insegnato davvero molto, sul calcio e sulla vita. E poi il giorno dell’ultima partita a Sassuolo più la festa in piazza Duomo”.

Inizi con un vantaggio particolare, che i giocatori sono entusiasti quando Paolo Maldini li chiama…

Parto con questo vantaggio, ma non è dato solo dal fatto di aver fatto parte della storia del Milan. Il vantaggio è proprio l’essere legato a questo club, che era grande negli anni ’50-’60, ed è stato grande alla fine degli anni ’70, ed è stato grande con Berlusconi. Ha una storia che non ha nemmeno bisogno di essere presentata, parla da sé. Quindi quando un giocatore viene chiamato da questo club è più facile credere a quello che viene detto, ma poi devono essere vere: così ti fidi”.

Su quella famosa storia di prendere un caffè a Ibiza con Theo Hernandez…

“Il mio primo vero acquisto è stato Krunic con il quale avevamo già un accordo l’anno precedente, è stata la prima cosa che ho fatto da solo. Per Theo siamo andati prima a parlare con il Real, con Theo ho usato le stesse parole che avrei usato con mio figlio. Con i miei giocatori sento un po’ un rapporto padre-figlio, so benissimo quali sono le difficoltà che le persone devono affrontare a quell’età. Dico che ci sono momenti belli ma anche momenti delicati, cerco di supportare questi ragazzi prima di questi giocatori”.

Su quelle difficoltà…

«Difficoltà diverse, perché è un progetto diverso da quello vincente degli anni d’oro di Berlusconi. Vieni da anni difficili in cui non ti qualifichi alla Champions, devi quindi raccontare ai giocatori un progetto credibile e vincente, ma ridotto nei costi.

Mi sento un po’ garante del progetto rossonero, e lo sento. È normale che in un grande club le persone non abbiano radici, ma io le ho. Li ho da quando mio padre è venuto a giocare nel Milan più di 50 anni fa, quando sono stato processato a Linate, quando ho portato i miei figli…”

Il ricordo del suo debutto…

“Lontano, sono stati anni meravigliosi. L’adolescenza è un’età fantastica, a 16 anni mi sono ritrovato ad essere un uomo in un ambiente pieno di uomini. So cosa ho sofferto, conosco le mie insicurezze, ricordo bene i sacrifici. Se avessi avuto qualcuno che mi avesse sostenuto un po’ di più sarei stato meglio. La volontà è quella di supportare i miei giocatori”.

Come è cambiato Giroud dopo il derby di febbraio?

“Giroud è un campione, punto e basta. Ha vinto un Mondiale, gioca in nazionale, è un professionista esemplare. La caratteristica principale di un campione è che è umile e un uomo di squadra. Un campione esce quando serve.

“All’inizio era limitato da qualche infortunio, ma poi è venuto fuori. Ma è la storia di molti giocatori che sapevano che questa era l’opportunità. Internamente sapevamo che questa era l’occasione per arrivare a un sogno, l’abbiamo sentito, abbiamo creduto e i risultati sono arrivati”.

Su Massara e la loro relazione…

“Innanzitutto la coppia nasce da un trio, quando Leonardo decide di partire mi ritrovo solo e per restare chiedo di poter mettere in piedi la dirigenza del Milan. Io chiamo Zvone Boban prima di tutto, un mio grande amico e grande conoscitore di calcio, poi ci serviva anche un direttore sportivo.

Sapendo che il Milan cercava un direttore sportivo ho ricevuto tante telefonate che parlavano bene di Ricky. Non lo conoscevo, ma parlandoci abbiamo rievocato il nostro passato calcistico: ci aveva fatto gol contro Pescara e Pavia.

“Abbiamo fatto un colloquio, mi piaceva così tanto e da lì siamo partiti. Ha la mia età. Un percorso diverso dal mio e una visione diversa, è fondamentale. È un grande conoscitore di calcio, un grande lavoratore. Condivide i principi base della vita, e siamo praticamente una coppia di fatto, viviamo in simbiosi per gran parte della settimana. Mi piaceva Kjaer come giocatore, ma non lo conoscevo nel dettaglio: ha insistito molto”.

Sulla certezza di poter vincere lo scudetto…

“C’era un’idea da trasmettere. A me è successo anche da giocatore con l’ultima Champions League. C’è stata una prima parte di stagione che non è andata così bene, non abbiamo giocato bene a novembre. Ho cercato con Carlo di avere una reazione e abbiamo messo in giro questa idea di vincere la Champions. Con Zaccheroni lo stesso, quando abbiamo vinto lo scudetto.

“Sono molto realista, ma sono un grande sognatore. Credo che sognare sia la base di tanti sportivi e di tante squadre per raggiungere il massimo risultato. È qualcosa che ho imparato nel tempo e che trasmette fiducia.

Non ero sicuro di poter vincere lo scudetto, ma ci credevo: so quanto vale la squadra. L’ho detto qui a Natale, non avevamo budget per il mercato: la Juventus ha preso Vlahovic, l’Inter Gosens, noi avevamo un budget ridotto. Ho detto: ‘Non lo voglio, siamo forti come siamo’.

Sull’esplosione di Pierre Kalulu…

“In quel momento Kjaer era fuori, come Romagnoli. Tomori è stato operato al menisco. Abbiamo dovuto affrontare 6-7 partite con Kalulu e Gabbia. Avevamo incrociato le dita, ma erano fondamentali.

“La cosa bella dello scudetto dello scorso anno è che sono stati tutti protagonisti: Tatarusanu con il rigore parato nel derby, mio ​​figlio Daniel con il gol allo Spezia. Tutto il gruppo è stato coinvolto, anche grazie alla direzione dei mister Pioli che è davvero in questo fantastico”.

Com’è Cardinale?

“Nel dubbio gli ho raccontato la mia storia (ride). Viene da un altro continente ed è abituato a vedere diversi sport… È come andare a pranzo con una leggenda del baseball. Gli ho detto la mia origine, la mia vita.

“Gerry è una persona che ha energia. Vuole fare, ascoltare. Mi piace moltissimo. L’idea che si trasmette è una sorta di continuità rispetto a Elliott, hanno preso questo club che è stato risanato economicamente e che ora dovrebbe poter risalire verso un obiettivo leggermente più grande”.

Quindi punti alla Champions League? C’è qualche promessa particolare?

“Non c’è una promessa, però posso farti questa: quella di non andare oltre i tuoi limiti economici. Tutto questo passa attraverso una ristrutturazione di tutto il calcio italiano in generale, la differenza con il calcio inglese è quasi insormontabile: la differenza di budget ci mette in difficoltà. Abbiamo altre armi, come la storia e altre idee. Il limite di sicurezza per i prossimi anni è quello dei ricavi/investimenti, non andremo oltre le nostre possibilità”.

Il Milan è pronto per le grandi serate di Champions League?

“La voglia, la determinazione e le ambizioni ci sono. Voglio una squadra ambiziosa, siamo il Milan e la storia parla per noi. Non è un discorso da fare solo per il Milan ma per tutta la Serie A, i nostri diritti tv valgono troppo poco per quello che siamo”.

All’arrivo di De Ketelaere…

“Innanzitutto il mercato è dinamico. Abbiamo provato a ingaggiare Botman prima di Charles, che avrebbe esaurito quello che era il nostro budget e ci saremmo rivolti ad altri giocatori per quel ruolo lì. Le nostre idee di maggio rispetto a quello che è successo alla fine erano diverse.

“A questo punto del nostro percorso non dobbiamo ingaggiare giocatori nella media, ma con un grandissimo potenziale: Charles è uno di questi. Classe 2001, ha mostrato cose importanti in Champions League. Serve tempo, so che i tifosi e i giornali non aspettano, ma dobbiamo aspettare.

Faccio l’esempio di Platini che per i primi sei mesi non ha fatto bene alla Juventus, poi è tornato a vincere tutto. Un giocatore classe 2001 non è pronto ad assumersi tante responsabilità in un club come il Milan, questo equilibrio dobbiamo darlo noi. Conosciamo i modi per aiutare i giovani a crescere. Le scommesse si fanno sui giovani, non tutte si vincono ma su di lui abbiamo pochissimi dubbi”.

Su Pioli e le sue idee…

“Lo conoscevo perché ho giocato con lui nell’U21 tanti anni fa. Non sapevo avesse questa carica in campo che è contagiosa, sprigiona un’energia incredibile. Questa energia è davvero incredibile, riesce a trasmettere ogni giorno qualcosa di eccezionale, condivide i nostri progetti, le nostre strategie sul mercato. Non accetta scuse. Tutte cose che abbiamo chiesto e che ha accettato perché è così.

“È cresciuto e ci ha fatto crescere, è un leader nato. Era considerato un normale, oggi essere normale è già una grande cosa. A volte ci sono agenti che mi descrivono i loro giocatori “si allena sempre, è sempre puntuale”. Le cose normali ora sono eccezionali. È un rapporto speciale, ci confrontiamo, condividiamo, litighiamo. Ha finalmente trovato un ambiente in cui può mostrare ciò che è veramente come uomo e come allenatore”.

Come si comporta Pioli nel mercato?

“Opinioni sulle strategie, sul futuro. Non ci soffermiamo tanto sui nomi ma sui profili: all’inizio non era così. Ci ha detto che non sapeva dei molti dei ragazzi che sono arrivati. Condividiamo idee su ciò che è necessario. Ad esempio sul difensore, Botman e Tomori sono giocatori abbastanza diversi. In momenti diversi ne avevi bisogno prima e poi un altro, poi cambi idea e persino la tua strategia. “

Di cosa hai bisogno a gennaio o giugno? Un giovane attaccante?

Stiamo attenti a quello che pensiamo serva, ma dobbiamo vedere come andrà questa stagione. Se facciamo l’esercizio di ricordare quello che pensavamo prima della scorsa stagione ha completamente cambiato tutto: bisogna essere di mentalità aperta”.

Quali frasi usa Pioli a Milanello per motivare?

Ci sono statistiche, frasi di avversari, di ex compagni di squadra o anche di ex allenatori. Forse anche più di un paio di ex compagni di squadra. È una persona sensibile, sa come stimolare il gruppo e quindi a volte riattacca qualcosa”.

Come sta Ibra?

“Sa anche che la ripresa è difficile, ma quando io e Ricky siamo andati da lui per la proposta di rinnovo gli abbiamo detto che doveva avere l’obiettivo di tornare da protagonista per la seconda parte di stagione.

“Ha iniziato con questa idea, vuole tornare alla scorsa stagione quando le poche volte in cui non ha avuto dolore è stato uno Zlatan decisivo. Deve essere considerato un calciatore al 100%. Per il futuro non dovrebbe preoccuparsi. Ha un po’ di questa ansia di dover smettere, ma è normale. Col tempo ti rendi conto che è più uno sforzo continuare. Cosa farà in futuro? Sarà Zlatan (ride).”

Sul nuovo stadio…

“Devo dire che la convivenza in questi anni è andata bene. Abbiamo condiviso i trofei, lo stadio, la piazza. Non è assolutamente un problema condividere lo stadio. Allora non so quali decisioni verranno prese in futuro.

È uno stadio pieno di ricordi per tutti i tifosi rossoneri. Ma vogliamo vivere con i ricordi o creare qualcosa di nuovo per creare altri. Il Milan non finisce con San Siro, va avanti. Dobbiamo creare qualcosa che ci renda competitivi e che sia lo stadio, altrimenti rimaniamo davvero a raccontarci le cose degli anni passati e non è una cosa che mi emoziona molto”.


Gol e highlights Serie A

Prodotti ufficiali AC Milan,
per i veri tifosi del diavolo rossonero!

Guarda le offerte

La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP


Primo Chef App


Leggi anche

Frederic Massara Frederic Massara
Calciomercato3 ore ago

Milan: Semedo non interessa

II rossoneri non sarebbero convintissimi del giovane attaccante portoghese che è stato accostato nelle ultime settimane. Luis Semedo si sta...

atalanta-milan Franck Kessie atalanta-milan Franck Kessie
Calciomercato3 ore ago

Il Milan chiude ad un eventuale ritorno di Kessie

Il centrocampista ivoriano vorrebbe disperatamente tornare in Italia ​​ma i rossoneri non sembrano disposti a riaccoglierlo. Come riportato oggi da...

Ariedo Braida Ariedo Braida
Calciomercato3 ore ago

La Cremonese insiste per Adli

I grigiorossi sembrano il club più interessato ad avere il francese in prestito. Come riportato dal Quotidiano Sportivo la Cremonese...

Rafael Leao Rafael Leao
Notizie3 ore ago

Cresce la fiducia per il rinnovo di Leao

I rossoneri sono sempre più ottimisti di riuscire a convincere il portoghese a restare allungando il contratto attuale. Come riportato...

Marko Lazetic Marko Lazetic
Calciomercato4 ore ago

La Reggina di Pippo Inzaghi vuole Lazetic

L’ex attaccante rossonero vorrebbe ingaggiare il serbo a gennaio ma il giocatore non sembra interessato. Come riportato da Calciomercato.com Pippo...

Mike Maignan Mike Maignan
Notizie4 ore ago

Maignan verso il rientro dal primo minuto il 4 gennaio

Il portiere rossonero dovrebbe aver risolto i suoi problemi fisici per quando ci sarà la ripresa della Serie A. Come...

Tiemoue Bakayoko Tiemoue Bakayoko
Calciomercato4 ore ago

Bakayoko: lo stipendio è uno scoglio alla cessione

L’elevato ingaggio del francese si sta rivelando un grosso ostacolo per la sua partenza anche solo in prestito. Tiemoue Bakayoko...

Hakim Ziyech Hakim Ziyech
Calciomercato5 ore ago

Su Ziyech c’è anche il Manchester United

L’esterno marocchino sta mostrando tutta la sua classe ai Mondiali e oggi tenterà di portare la sua squadra agli ottavi....

Franck Kessie Franck Kessie
Calciomercato5 ore ago

Kessie è scontento: ci prova addirittura l’Inter

L’ex centrocampista rossonero starebbe cercando un’altra squadra perché in Spagna gioca poco, possibile anche un ritorno a Milano. Come riportato...

Ismael Bennacer Ismael Bennacer
Calciomercato5 ore ago

Tutte le tappe della questione (irrisolta) Bennacer

Il cambio di agente dell’algerino è solo l’ultimo avvenimento di una vicenda che va avanti da diverso tempo. Il rinnovo...

Rafael Leao Rafael Leao
Calciomercato6 ore ago

Per Leao la priorità è il rinnovo

L’attaccante esterno portoghese riflette sul prolungamento del contratto coi rossoneri; ecco la sua volontà. Secondo SportMediaset Rafael Leao ha dato priorità...

Inzaghi Baresi Boateng Kakà Donadoni Shevchenko Fabio Capello Lega Serie A Van Basten Pobega Braida Thiago Silva Matteo Gabbia Milan-Torino Lucas Biglia Braida Inter-Milan Berlusconi Daniel Maldini Musacchio Berlusconi Matías Viña Kobe Bryant Florentino Luis Bennacer Matty Cash Antonee Robinson Caldara Scamacca Becir Omeragic Atalanta-Milan Rebic serginho Paquetà Castrovilli Milan-Sassuolo Caldara Milanello tifosi Milan Ricardo Rodriguez Todibo Xhaka Paquetà maglia Milan Ibrahimovic Inzaghi Baresi Boateng Kakà Donadoni Shevchenko Fabio Capello Lega Serie A Van Basten Pobega Braida Thiago Silva Matteo Gabbia Milan-Torino Lucas Biglia Braida Inter-Milan Berlusconi Daniel Maldini Musacchio Berlusconi Matías Viña Kobe Bryant Florentino Luis Bennacer Matty Cash Antonee Robinson Caldara Scamacca Becir Omeragic Atalanta-Milan Rebic serginho Paquetà Castrovilli Milan-Sassuolo Caldara Milanello tifosi Milan Ricardo Rodriguez Todibo Xhaka Paquetà maglia Milan Ibrahimovic
Calciomercato7 ore ago

Milan Ziyech, la formula per arrivare all’esterno del Chelsea

Il Milan ha scelto Ziyech come possibile rinforzo di gennaio, l’esterno del Chelsea, impegnato al Mondiale con il Marocco, sta...


   Guarda Video

Più letti