Ecco quanto dichiarato nel corso di una recente intervista dall’ex calciatore del Milan, Manuel Locatelli.

Manuel Locatelli, centrocampista del Sassuolo, ha di recente rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, dove ha parlato della sua esperienza con la maglia rossonera.

Emerson de Souza Scamacca Tassotti Kristoffer Ajer Gazidis Jeremy Toljan Zaracho Baresi Kakà Alexis Saelemaekers florentino luis Brescia-Milan Borini Adnan Januzaj Andrea Conti Wesley Fofana Asmir Begovic Bentaleb Ibrahimovic Rebic Lobotka Ibrahimovic Jovic Bennacer Todibo Leonardo Mariano Diaz Caldara Rafael Leao Casa Milan Camavinga Caldara Dani Olmo

A tal proposito ha dichiarato: “Voglio cogliere questa occasione per dire alla Gazzetta che io il Milan lo ringrazierò per tutta la vita e non gli vorrò mai del male. Il Milan è stato casa mia e quindi non si parla mai male di casa. Nonostante tutto quello che si è detto io il Milan lo ringrazierò sempre. Poi le cose non sono andate come dovevano ma del Milan parlerò sempre bene”.

Per poi aggiungere: “Il gol alla Juve? Quel gol è stato un’arma a doppio taglio. Mi ha dato una gioia immensa: segnare a quel portiere, a quel campione un gol così è stata una cosa incredibile. Poi difficile da gestire perché mi si chiedeva sempre di fare gol spettacolari, le aspettative sono balzate alle stelle e quindi è stato complicato. Non ero pronto, sicuramente per demeriti miei. Ma ora vedo le cose in maniera differente e sono cosciente che quel gol rimarrà nella storia, sicuramente nel mio cuore”.

TAG:
manuel locatelli

ultimo aggiornamento: 11-11-2020


Milan, obiettivo minimo un posto Champions

Milan, Emanuelson: “Ibrahimovic? È davvero incredibile”