“Ho visto passare tanti ragazzi in questi decenni ma i giornalisti mi chiedono sempre di Ibrahimovic”, ha dichiarato Johnny Gyllensjo.

Johnny Gyllensjo, primo allenatore di Ibrahimovic al Malmo, ha parlato dell’attaccante del Milan ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: “Ho visto passare tanti ragazzi in questi decenni ma i giornalisti mi chiedono sempre di lui. Molti calciatori pensano di essere Ibrahimovic, ma non sanno quanto lavoro duro ha fatto lui per più di vent’anni. Andava sempre ad allenarsi intorno a casa sua, a Rosengard, in mezzo ai palazzi. Se non era all’allenamento con noi, andava a giocare con gli amici dove ora c’è lo Zlatan Court, il campetto costruito per far giocare i bambini della zona. Ora sembra strano ma a 15 anni il suo corpo non era così devastante. Aveva una grande tecnica, questo sì, si allenava a dribblare e in quello era già bravissimo. Fisicamente però è esploso più tardi. Una storia su Ibra? La volta in cui rubò la bicicletta di una persona dello staff tecnico e la riportò al campo il giorno dopo… Non era sempre semplice con lui. Chi li somiglia? So che non sono propriamente amici, ma io nell’attitudine, nella personalità, vedo qualcosa di Ibra in Lukaku”.

Galliani Zlatan Ibrahimovic Milan-Spal

ultimo aggiornamento: 02-10-2021


Boban: “Ho voluto fortemente il ritorno di Ibra”

Donadoni: “Leao può e deve crescere ancora molto”