L’ex arbitro di Serie A Mauro Bergonzi, intervistato in esclusiva da MilanNews.it, ha commentato i presunti errori di Cakir ieri sera.

Intervistato in esclusiva ai microfoni di MilanNews.it, l’ex arbitro di Serie A Mauro Bergonzi, ha voluto analizzare la prestazione di Cuneyt Cakir durante Milan-Atletico Madrid. Due decisioni abbastanza dubbie, che hanno portato alla sconfitta inevitabile degli uomini di Stefano Pioli. Questo il commento dell’ex direttore di gara:

Sull’espulsione di Franck Kessie: “L’espulsione è severa, ma ciò non vuol dire che sia sbagliata e che non sia stato applicato il regolamento; secondo me è stato più superficiale Kessie nel decidere di fare quell’entrata a centrocampo essendo già ammonito. Se l’arbitro non avesse estratto il secondo cartellino giallo si direbbe che Kessie sia stato graziato. La trovo, tutto sommato, una scelta che può essere condivisibile”.

calcio pallone campo
calcio pallone campo

Sul rigore in extremis per l’Atletico Madrid: “L’episodio del rigore comporta una mancanza totale di concentrazione: è come se non vedesse l’ora di finire la partita. È impossibile sbagliare un episodio del genere! Tra l’altro, per me quello non è proprio rigore a prescindere: i giocatori sono petto contro petto, sono attaccati e il difensore del Milan non può avere il tempo di spostare il braccio dietro la schiena. Non c’è nessuna volontarietà, nessun atto volontario di andare ad impattare il pallone da parte di Kalulu. Quello non è mai ma mai rigore! E oltre a questo: è evidente che Lemar tocchi prima lui il pallone con la mano e ciò fa sì che la palla si accomodi verso il braccio di Kalulu. Le immagini sono chiarissime: non ho la più pallida idea del perché non sia andato al monitor, del perché il VAR non lo abbia richiamato, del perché non abbia cambiato idea. Cakir ha fischiato 8 falli contro il Milan di cui 5 ammoniti e un espulso, mentre l’Atletico Madrid 11 falli e un solo ammonito. Già questo stride”

Perché Cakir non è andato al VAR?: “Dall’avvento del VAR in Champions League è uno degli errori più grossolani e importanti che ci siano stati. Mi chiedo davvero come mai non sia andato al monitor in una partita di altissimo livello internazionale con un episodio che può decidere le sorti delle due squadre, del passaggio del turno o meno. Caspita!”

Milanello

ultimo aggiornamento: 29-09-2021


Di Canio: “Brahim Diaz è cresciuto, fa sempre la scelta giusta”

Milan, nel mirino il nuovo De Bruyne: Kacper Kozlowski