Pioli in conferenza stampa in vista della partita contro il Lecce

Lecce-Milan, la conferenza stampa di Pioli

Ecco le dichiarazioni rilasciate dall’allenatore milanista, Stefano Pioli, in conferenza stampa alla vigilia di Lecce-Milan.

In vista di Lecce-Milan, gara in programma lunedì 22 giugno allo stadio “Via del Mare” (fischio d’inizio alle ore 19.30), il tecnico rossonero, Stefano Pioli, ha parlato come di consueto in conferenza stampa. Ecco le sue parole.

“Se il campionato non fosse ripreso la nostra sarebbe stata una stagione di rimpianti, ma ora invece abbiamo 12 partite per raggiungere l’Europa. Dobbiamo rincorrere e dobbiamo farlo bene ed il prima possibile, domani riprendere con una vittoria sarà molto importante perché in 40 giorni ci giochiamo tutto. Abbiamo rimpianti per la Coppa Italia, soprattutto per la partita d’andata. Un po’ per demerito nostro e un po’ per certe decisioni”.

“In diverse occasioni avremmo meritato risultati diversi, ma questo vuol dire che in alcuni aspetti siamo stati carenti. Se non si vince si impara, e mi auguro che abbiamo imparato tanto e di non ripetere certi errori”.

Spalletti Stefano Pioli derby Milan Rangnick
Nella foto, il tecnico rossonero Stefano Pioli

“Le porte chiuse influiscono in maniera negativa su tutti – ha affermato Stefano Pioli tifosi sono il calcio, non avremo più adrenalina e dovremo trovarla dentro di noi. Ma era l’unico modo per ricominciare. Faccio i complimenti a Gravina per come ha gestito la situazione e per averci permesso di tornare a giocare”.

“È inevitabile pensare che sarà un altro campionato. La squadra è concentrata e motivata. Puntavamo molto sulla Coppa Italia ed è un dispiacere essere usciti così, ci abbiamo provato fino alla fine. Siamo il Milan, dobbiamo dare il massimo sempre. Ho visto una squadra concentrata e domani mi aspetto una squadra determinata”.

“Futuro? Siamo professionisti, mancano 40 giorni non possiamo farci distrarre. Abbiamo un grande obiettivo da rincorrere, la nostra posizione in classifica non rispecchia le nostre qualità e abbiamo la possibilità di dimostrarlo. Poi chi dovrà decidere deciderà, ma non si decide mai da soli. Deciderò anche io”.

Aggiornato il: 21-06-2020