Storie di rossoneri da tutto il mondo e contenuti speciali. Ecco “L’altra Faccia del Milan”, il libro scritto dal giornalista Enrico Fonte. Il ricavato andrà a Fondazione Milan.

Cosa sarebbe il calcio senza tifosi? Poca, pochissima cosa. Basta guardare le gare post-lockdown: appassionanti sì, ma incomplete, per certi versi grigie. Perché il tifo sano e passionale, in tutte le sue sfumature, è la parte migliore di questo sport. Ai supporters rossoneri è dedicato il libro del giornalista Enrico Fonte, “L’altra faccia del Milan”, pubblicato lo scorso giugno. Un omaggio al popolo milanista sparso nel mondo, ma anche un “mezzo” per fare del bene: il ricavato della vendita, infatti, sarà devoluto a Fondazione Milan.

Nella prima parte, introdotti proprio dalla prefazione di Fondazione Milan, 36 tifosi rappresentativi di ben 20 nazioni raccontano la loro personale storia di passione milanista, svelando il volto meno noto (ma più autentico) del Milan. Dall’indonesiano Ronald, che ha chiamato la figlia “Nesta”, al maltese Steve, che ha allestito nella propria abitazione un museo dedicato al club di via Aldo Rossi. E poi c’è l’italianissimo Antonio, che detiene il record mondiale di ingressi al museo di Casa Milan, e Ricardo, brasiliano, che indossa la divisa rossonera per partecipare ai campionati di calcio da tavolo sudamericano;

La casa museo indonesiano Ronald Sadek
La casa museo dell’indonesiano Ronald Sadek

E ancora: Giovanni, che trasforma i campioni del Milan in bellissime statue di gesso, il lussemburghese Gianni, tifoso numero uno al mondo di Rivera, i “milanologi” Luigi e Colombo, Danilo, l’uomo che sventola la bandiera “6 Baresi” in Curva Sud, gli autori dello striscione “Marco Nico” che campeggia a San Siro da una vita. A ciò si aggiungono la commovente lettera di Alex ed Enzo rivolta al padre, milanista Doc, scomparso a causa del Coronaviru, le emozionanti storie raccolte negli Stati Uniti, in Argentina, Cile, Libano, Indonesia, Malesia, Australia e Francia, l’intervista a Peter Linde, lo scultore che ha realizzato, in Svezia, la statua (poi vandalizzata e, quindi, ritirata) di Zlatan Ibrahimovic.

Seguono le immagini di alcuni dei più calorosi Milan Club del mondo, che introducono la seconda parte, in cui trovano spazio i racconti di tifose rossonere davvero appassionate. In questa sezione spicca l’intervista esclusiva, carica di milanismo, al capitano del Milan femminile e bomber della Nazionale azzurra, Valentina Giacinti.

Milan Club New York City

Contenuti speciali: interviste a Baresi e Valentina Giacinti

Tra la seconda e la terza parte i “contenuti speciali”, con un racconto che celebra i giocatori nordici passati per il Milan e con sette magnifiche grafiche dedicate alle formazioni rossonere che hanno conquistato la Coppa dei Campioni.

La terza e ultima parte è dedicata alle interviste al giornalista Luca Serafini e ad alcuni ex giocatori del Milan approdati in prima squadra dopo la trafila nel settore giovanile, come Daino, Saudati, Marzorati e Perticone, e ad Harvey Esajas, l’amico di Seedorf che è riuscito a giocare una manciata di minuti con il Milan al termine di un commovente cammino di rinascita sportiva e spirituale. A seguire, il colloquio con Filippo Galli e il racconto dell’incontro con Paolo Maldini. Infine, il gran finale con l’intervista esclusiva all’espressione del milanismo più autentico: Franco Baresi.

Il tutto accompagnato da 400 foto, molte delle quali inedite, che rendono ancora più emozionante questo “diario” dalle forti tinte rosse e nere. Il libro, edito da “Milan Reporter editore”, è disponibile su Amazon in italiano (“L’altra faccia del Milan”) e in inglese (“The other face of AC Milan”), nei formati ebook e cartaceo (280 pagine a colori).

L’autore, Enrico Fonte, e la copertina del libro

Ecco le parole dell’autore, il giornalista Enrico Fonte: “Dopo aver seguito il Milan come tifoso con gli amici del club Alba rossonera, in qualità di cronista web ho avuto l’opportunità di coronare due dei miei sogni più grandi: varcare i cancelli del centro sportivo Milanello e raccontare le partite dei rossoneri dalla tribuna stampa di San Siro. Nel marzo 2019 ho documentato dall’Inghilterra l’amichevole benefica tra le leggende di Liverpool e Milan. In terra inglese ho conosciuto milanisti provenienti da ogni angolo del pianeta, i quali mi hanno fatto intendere che sarebbero disposti a rinunciare a tutto pur di vivere anche solo un decimo delle esperienze legate al Milan che ho avuto la fortuna di vivere io. Ecco, allora, l’idea di realizzare un libro che avesse per protagonisti non i campioni e i trionfi del Milan bensì i tifosi e le loro appassionanti storie, ovvero l’altra faccia (quella più autentica) del Milan, decidendo al contempo di devolvere il ricavato a Fondazione Milan”.

Queste, invece, le dichiarazioni di Rocco Giorgianni, segretario generale di Fondazione Milan: “Le storie particolari contenute in questo libro esprimono un sentimento che accomuna i moltissimi tifosi che nel corso della storia hanno amato il Milan. Un amore sempre ricambiato, spesso con successi e trofei. Amore e passione che non vengono mai meno, neanche nei momenti di difficoltà: più che mai in quei frangenti si intuisce l’amore incondizionato dei tifosi per il loro club. Perché innanzitutto il Milan per loro è una questione di cuore, appartiene a loro, che ci sono e ci saranno sempre. Così è la storia di Fondazione Milan, una storia di passione. Per le persone innanzitutto. In questi anni, abbiamo incontrato migliaia di bambini, giovani e adulti nelle periferie di Milano come negli slums di Nairobi, abbiamo giocato con loro nelle favelas di Rio de Janeiro e nei lebbrosari di Calcutta. Ci hanno regalato sorrisi, voglia di vivere e di sognare, ma anche desiderio di non mollare mai. Amore e passione che non saremmo però mai riusciti ad esprimere allo stesso modo senza l’aiuto e il supporto della grande famiglia del Milan, di cui i tifosi sono certamente il cuore pulsante”.

TAG:
Fondazione Milan libro tifosi

ultimo aggiornamento: 13-07-2020


Milan, possibile ritorno di fiamma per Antonee Robinson

Dalla Germania: Milan, Rangnick segue Koch per la difesa