Il procuratore Giovanni Branchini ha analizzato le circostanze dell’addio di Donnarumma al Milan sostenendo che siano più i media che le società a calcare la mano in caso di addii a parametro zero.

Giovanni Branchini, noto procuratore sportivo, stamattina si è espresso sulla tendenza al non voler digerire gli addii a parametro 0 dei calciatori. “Quando un giocatore sta in un club oltre dieci anni, non penso ci sia nulla di criminale volere cambiare. In Italia si accetta che un giocatore vada via: il Milan ha accettato con grande signorilità che Donnarumma se ne andasse, sono stati più i media a calcare la mano che non le società. Penso che ci sia una tendenza a creare scandalo anche quando non c’è“.

Milan Donnarumma

ultimo aggiornamento: 13-10-2021


Turci: “Mirante affidabile, ma Tatarusanu deve giocare”

Guai per il fratello di Theo: chiesto un anno di carcere per Lucas Hernandez