Ecco le dichiarazioni rilasciate da Simon Kjaer a TV2. “Se continuerò a giocare bene fino alla fine del contratto, il Milan mi rinnoverà”.

Il difensore del Milan, Simon Kjaer, ha rilasciato una intervista alla tv danese TV2. “Non sono mai stato cosi bene – ha dichiarato in merito al suo momento in rossonero – questo 2020, per me, è stato un anno positivo. Sono orgoglioso delle mie prestazioni”.

Si parla anche dei mesi trascorsi a Bergamo: “Non ho visto quel periodo cosi disastroso come molti pensano, è stata un decisione dall’allenatore. Non si può dire che le mie prestazioni siano state brutte. Ho giocato sei partite, ne ho vinte quattro e pareggiate due. Quello che è successo a Bergamo era solo un problema tattico. Gasperini è stato onesto a dirmi che si doveva trovare una soluzione. Poi è arrivato il Milan, ho sempre detto a Mikkel (il suo agente, ndr) che il mio sogno era giocare lì. L’occasione è arrivata proprio nel momento che meno mi aspettavo. Ora sono nel posto dove vorrei essere”.

Rangnick
Nella foto: Ralf Rangnick

Una considerazione su Stefano Pioli: “Il primo giorno mi chiese come vedevo il modo di difendere e come insieme avremmo potuto costruire una squadra. Mi chiese cosa avrebbe dovuto fare per mettermi nelle condizioni migliori possibili in campo e sentirmi a mio agio. Pioli mi ha dato fiducia e tutt’ora lo fa. È un fantastico e bravo allenatore, sia in campo che fuori. Ma la differenza è a livello personale: Pioli si interessa prima di come sto a livello personale e poi come giocatore. Rangnick? Io osservavo, ovviamente incrociavo le dita per la permanenza di Pioli. Era anche una situazione in cui non potevi fare molto, potevo solo andare in campo, vincere le partite e mostrare il carattere mio e della squadra. Per il resto potevo solo incrociare le dita, fortunatamente andò tutto bene”.

Si chiude parlando del rinnovo e delle possibilità di vincere il campionato: “Manca ancora qualche anno. Sono nel posto giusto e mi piacerebbe rimanere qua per tutto il resto della mia carriera. Sono sicuro che se continuerò a giocare bene fino alla fine del contratto, il Milan mi rinnoverà ancora una volta. Scudetto? Noi ci crediamo, dobbiamo lavorare duramente. La strada verso maggio è ancora lunga, ma sono ottimista. Lo scudetto sarebbe la cosa più grande della mia carriera. Se non sarà il campionato allora… l’Europeo”.

Milanello

ultimo aggiornamento: 06-12-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sampdoria-Milan, i convocati di Pioli

Milan, affaticamento muscolare per Bennacer