Le dichiarazioni rilasciate da Franck Kessie al club channel rossonero: “Per la gara con il Liverpool chiediamo ai tifosi di riempire lo stadio”.

“Siamo tutti contenti di questa vittoria. L’anno scorso abbiamo sognato di giocare la Champions, dobbiamo far vedere a tutti che siamo il Milan e possiamo giocarcela con ogni squadra”. Lo ha dichiarato Franck Kessie a Milan TV dopo la vittoria contro l’Atletico. “Noi seguiamo il mister – ha aggiunto – e cerchiamo di fare tutto quello che ci chiede. Stiamo lavorando tanto a Milanello per giocare questo tipo di partite. L’Altetico è una grande squadra, sta giocando ogni anno la Champions. Noi siamo tornati dopo tanto tempo. Oggi era importante lottare su ogni pallone, il mister ci aveva detto che era una squadra molto fisica”.

Franck Kessie

“Siamo contenti di questo che abbiamo fatto, la Champions non è ancora finita. Ora torniamo a Milanello per lavorare ancora di più e fare ancora meglio di stasera. La gara col Liverpool? Chiediamo ancora una volta ai nostri tifosi di venire allo stadio per essere il dodicesimo uomo in campo. Se sono stanco? Normale, dopo novanta minuti a questo livello e ritmo sono stanco. Ma domani torno”.

La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 24-11-2021


Pioli: “La storia di Messias è solo all’inizio”

Brahim Diaz: “Oggi sembrava di essere a San Siro”