Le parole del centrocampista Franck Kessié al termine di Crotone-Milan: “Mi chiamano il Presidente. Mentalmente stiamo bene e in campo si vede”.

Grande protagonista contro il Crotone, autore del gol del vantaggio del Milan allo “Scida”, il centrocampista rossonero, Franck Kessié, al termine del match, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport: “Perché mi chiamano il Presidente? Perché sono il presidente della squadra, il capo dello spogliatoio”, ha spiegato sorridendo il giocatore ivoriano.

“Devo ringraziare Pioli – ha affermato Kessié, pilastro della formazione milanista – perché lui è riuscito a dare tutto questo alla squadra. Adesso mentalmente stiamo bene e in campo si vede. Tutti lottano su ogni palla ed è questo che ti dà la vittoria in ogni partita. Non siamo ancora una big, però dobbiamo continuare su questa strada e dobbiamo lavorare senza montarci la testa e con questo spirito giusto fino alla fine”.

IM_Stefano_Pioli
Nella foto: il tecnico rossonero Stefano Pioli

Come detto, Kessié è un punto fermo della squadra di Pioli, uno degli insostituibili. Anche a Crotone l’ex Atalanta ha mostrato tutta la sua importanza recuperando una quantità incredibile di palloni. Ovviamente, l’ivoriano sarà titolare anche in Portogallo nel playoff di Europa League contro il Rio Ave in programma giovedì.

TAG:
Franck Kessié slider

ultimo aggiornamento: 28-09-2020


Milan, la rassegna stampa

Brahim Diaz: “Contento per gol e vittoria. Ora l’Europa”