Nel corso di una recente intervista Ricardo Kakà ha parlato della sua esperienza in maglia rossonera.

Intervenuto ai microfoni di Sky Sports Uk, Ricardo Kakà ha parlato della sua esperienza in maglia rossonera. Ecco le sue parole.

Ricardo Kaka
Ricardo Kaka

Alla domanda se “Pippo Inzaghi ti ha mai chiesto di dosare un passaggio durante l’esperienza insieme al Milan?”, Kakà ha risposto: “È successo un paio di volte. L’ho chiesto anche io qualche volta. Ho giocato con alcuni giocatori fantastici come Andriy Shevchenko, Ronaldo, Ronaldinho e Cristiano Ronaldo. A volte passi la palla a questi ragazzi e pensi che sia impossibile che segneranno da certe situazioni. Pensi “Restituiscimelo e proverò qualcosa di diverso” Ma poi segnano il gol. Tutto quello che puoi fare è festeggiare. con loro e congratularti. “

Il miglior tiratore? “Forse Adriano. Aveva un tiro potente. Ma penso che Roberto Carlos sia il numero uno”. Mentre per quanto riguarda i gol più belli: “Il gol all’Argentina all’Emirates è uno dei primi tre della mia carriera. Gli altri sono quelli contro il Fenerbahce a San Siro e quello con lo United all’Old Trafford. Non mi sono mai accorto che, dei primi tre gol in carriera, due erano in Inghilterra. Il gol contro il Manchester United in semifinale è probabilmente il gol più bello che abbia mai segnato.”

Ha quindi proseguito: “Penso che il 2007 sia stato l’apice della mia carriera. È stato allora che ho vinto la maggior parte dei trofei importanti che si potevano vincere. La Champions League, la Coppa del Mondo per Club, il Pallone d’Oro e il giocatore FIFA dell’anno. Naturalmente , ci sono altri trofei ma il 2007 è stato il mio massimo “

Il Milan dell’epoca? “Era perfetto. Non si tratta solo di talento, lo sappiamo tutti. Certo, il talento è importante. Ma il calcio è una specie di puzzle e devi mettere insieme i pezzi. C’erano così tanti leader nella squadra e nessuna vanità, quindi tutti volevano vincere, non importa chi segnava. Quando hai questo tipo di situazione con un gruppo del genere, il puzzle era perfetto e abbiamo avuto risultati sorprendenti. Abbiamo anche avuto un strepitoso allenatore in Carlo Ancelotti “.

Per quanto riguarda Ancelotti: “Da ogni allenatore che ho avuto nella mia carriera, ho imparato qualcosa. Tutte le persone con cui lavori possono insegnarti qualcosa, sia tatticamente, tecnicamente o solo qualcosa di personale. Ma Carlo è stato il migliore per me perché ha tirato fuori il meglio di me. La caratteristica più impressionante che ha, secondo me, è la sua capacità di gestire le persone. La gestione dell’uomo è così importante. Certo, è davvero bravo con la tattica e capisce il gioco e tutto, ma con i giocatori è bravissimo. Hai una rosa di 25 giocatori e ne puoi mettere in campo solo 11. Cosa farai con gli altri? Come li manterrai motivati? Sapeva come farlo. Ovunque vada, quando se ne va, lascia questa bella sensazione con i cuori dei giocatori “.

TAG:
Kakà

ultimo aggiornamento: 09-12-2020


Verso Sparta Praga-Milan, la probabile formazione rossonera

Calcio in lutto: ci lascia Paolo Rossi