Milan e Juventus sono pronte a scendere in campo in occasione del prossimo match di campionato in programma domenica 19 settembre alle ore 20.45.

Domenica 19 settembre alle ore 20.45 avrà luogo il prossimo match di campionato tra Milan e Juventus. Una partita particolarmente attesa, con Massimiliano Allegri che, intervenuto in conferenza stampa, h dichiarato: “È sempre Juve-Milan che è una delle più importanti se non la più importante del campionato. Dobbiamo fare una bella prestazione perché abbiamo un solo punto in classifica. Loro giocano insieme da anni e hanno acquisito certezze importanti, noi stiamo crescendo e quindi ci fa ben sperare la partita di domani che credo sia più importante per loro che per noi”.

palloni Serie A
palloni Serie A

Domani resta fuori Bonucci? “Ho tre dubbi nella formazione, uno per reparto. Deciderò domani dopo la rifinitura, abbiamo tante partite prima della sosta ed è importante che tutti si sentano partecipi nel gruppo considerati anche i cinque cambi. Tutti devono essere pronti ad aiutare i compagni”.

Ha quindi proseguito: “Chiesa è uno dei dubbi. Rende molto di più a destra, davanti ha bisogno di giocare con una punta perché centralmente fatica a giocare. A sinistra ha delle qualità importanti per entrare dentro il campo e tirare in porta. Sta crescendo ma deve migliorare nella lettura delle partite e nei tempi di gioco. Poi qualità e cattiveria sono caratteristiche sue e non gliele toglie nessuno”.

Alla domanda se è riuscito a trasmettere la sua carica alla squadra ha quindi risposto: “Abbiamo iniziato il 14 luglio senza giocatori, il 3 agosto con i nazionali post Europeo, abbiamo giocato subito, poi i risultati non sono stati direttamente proporzionali alle prestazioni. Potevamo avere punti in più ma così non è stato. Non è che sono carico: quando dirigo un allenamento è sempre così. Dobbiamo crescere tutti insieme. Un’altra cosa che devo capire meglio è chi, quando viene in panchina, entra e rende o rende meno. Più avanti si va, più è facile per me perché conosco i giocatori. Domani bisogna fare una bella partita tecnica, sapendo che loro sono in grande fiducia. E il Milan dopo sette anni dalla Champions, dimostra che hanno personalità. Ci vuole pazienza”.

È una partita che ha importanza maggiore? “Ibra ho avuto la fortuna di allenarlo ed è un giocatore ancora molto importante. È più importante per loro che per noi, noi il primo bilancio lo faremo alla sosta di novembre dopo che sono state giocate un po’ di partite e credo che saremo in una posizione diversa a quel punto”.

Sul campionato: “Secondo me non c’è una squadra che può schiacciare il campionato. Fai presto sia a perderli che a recuperarli. Noi dobbiamo continuare a lavorare cercando di recuperare il terreno che abbiamo perso all’inizio, vediamo domani sera cosa siamo in grado di fare. Sicuramente faremo una bella partita, poi il risultato vedremo. Ora dopo Malmo non è che siamo diventati fenomeni come prima non eravamo scarsi, ci vuole equilibrio e desiderio di arrivare a essere i migliori”. Perché è più importante per il Milan? “Lo dovete scoprire voi, è più importante per loro che per noi”.

Milanello

ultimo aggiornamento: 18-09-2021


Altafini: “Il Milan può accontentarsi di un pari allo Stadium”

Serie A, verso Juventus-Milan: le quote del match