La Protezione Civile nazionale ha fatto il punto della situazione in merito all’emergenza Coronavirus in Italia. Ecco i dati ufficiali di oggi.

La Protezione Civile ha diramato il bollettino giornaliero per fare il punto della situazione in merito alla pandemia da Covid-19 nel nostro Paese. Sono 82.879 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il Coronavirus, 1.225 in più di ieri. Le vittime in un giorno sono state 195: in totale i morti a causa del virus sono 29.079. I casi totali, invece, sono 211.938 (compresi deceduti e guariti).

Coronavirus Manolo Gabbiadini

I pazienti in terapia intensiva scendono a 1.479 (22 in meno rispetto a ieri, un dato in calo costante ormai da settimane). Dei 99.980 malati complessivi, 16.823 sono ricoverati in ospedale con sintomi, mentre 81.678 sono in isolamento domiciliare. Ancora una volta, la regione del nostro Paese più colpita è stata la Lombardia, seguono Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Questi, dunque, i dati ufficiali di oggi, lunedì 4 maggio, resi noti dalla Protezione Civile. L’invito rivolto a tutti, ovviamente, è sempre quello di restare a casa.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi di Coronavirus in Italia regione per regione:

  • Lombardia 78.105 (+577, +0.7%)
  • Emilia-Romagna 26.175 (+159, +0.6%)
  • Veneto 18.373 (+55, +0.3%)
  • Piemonte 27.622 (+192, +0.7%)
  • Marche 6363 (+44, +0.7%)
  • Liguria 8.412 (+53, +0.6%)
  • Campania 4.498 (+14, +0.3%)
  • Toscana 9.601 (+38, +0.4%)
  • Sicilia 3.255 (+15, +0.5%)
  • Lazio 6.847 (+38, +0.6%)
  • Friuli-Venezia Giulia 3.076 (+4, +0.1%)
  • Abruzzo 3.000 (+4, +0.1%)
  • Puglia 4.153 (+9, +0.2%)
  • Umbria 1.394 (nessun nuovo caso)
  • Bolzano 2.541 (+5, +0.2%)
  • Calabria 1.118 (+4, +0.4%)
  • Sardegna 1.317 (-2)
  • Valle d’Aosta 1.143 (+1, +0.1%)
  • Trento 4.258 (+11, +0.3%)
  • Molise 301 (nessun nuovo caso, come ieri)
  • Basilicata 386 (nessun nuovo caso, ieri erano stati +6)
TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 04-05-2020


Torino, Cairo: “Pensiamo anche alla prossima stagione”

Spadafora: “Mi auguro che il calcio riparta, sarebbe surreale il contrario”