Il commissario per l’emergenza Angelo Borrelli ha fatto il punto della situazione in merito all’emergenza Coronavirus in Italia. Ecco i dati ufficiali di oggi.

Il capo del Dipartimento della Protezione Civile, nonché commissario per l’emergenza, Angelo Borrelli, durante la consueta conferenza stampa, ha diramato il bollettino giornaliero per fare il punto della situazione. Sono 19.758 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il Coronavirus, 1.480 in più di ieri. Le vittime in un giorno sono state 766: in totale i morti a causa del Covid-19 sono 14.681. I casi totali, invece, sono 119.827 (compresi deceduti e guariti).

coronavirus ospedale ambulanza pronto soccorso

I pazienti in terapia intensiva salgono a 4.068. Dei 85.388 malati complessivi, 52.579 sono in isolamento domiciliare e 28.741 sono ricoverati in ospedale con sintomi. Ancora una volta, la regione del nostro Paese più colpita è la Lombardia, seguono Emilia Romagna, Veneto e Piemonte. In totale sono stati effettuati 619.849 tamponi. Questi, dunque, i dati ufficiali di oggi, venerdì 3 aprile, resi noti dalla Protezione Civile. L’invito rivolto a tutti, ovviamente, è sempre quello di restare a casa.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi di Coronavirus in Italia regione per regione:

  • Lombardia 47.520 (+1455, +3,2%)
  • Emilia-Romagna 15.932 (+599, +3,9%)
  • Veneto 10.464 (+353, +3,5%)
  • Piemonte 10.896 (+543, +5,2%)
  • Marche 4.230 (+132, +3,2%)
  • Liguria 3.965 (+183, +4,8%)
  • Campania 2.677 (+221, +9%)
  • Toscana 5.499 (+226, +4,3%)
  • Sicilia 1.859 (+68, +3,8%)
  • Lazio 3.600 (+167, +4,9%)
  • Friuli-Venezia Giulia 1.879 (+80, +4,4%)
  • Abruzzo 1.563 (+66, +4,4%)
  • Puglia 2.182 (+105, +5,1%)
  • Umbria 1.179 (+51, +4,5%)
  • Bolzano 1.559 (+80, +5,4%)
  • Calabria 733 (+42, +6,1%)
  • Sardegna 825 (+31, +3,9%)
  • Valle d’Aosta 719 (+51, +7,6%)
  • Trento 2.109 (+106, +5,3%)
  • Molise 176 (+11, +6,7%)
  • Basilicata 261 (+15, +6,1%)
TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 03-04-2020


Baresi: “Con il lavoro di tutti riporteremo in alto il blasone del Milan”

Clamoroso Moggi: “Il Milan meritava la B”