La Protezione Civile ha fatto il punto della situazione in merito all’emergenza Coronavirus in Italia. Ecco i dati ufficiali di oggi.

La Protezione Civile, attraverso il commissario Domenico Arcuri (il capo del Dipartimento, Angelo Borrelli, è ancora alle prese con l’influenza), ha diramato il bollettino giornaliero per fare il punto della situazione. Sono 10.950 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il Coronavirus, 589 in più di ieri. Le vittime in un giorno sono state 919: in totale i morti a causa del Covid-19 sono 9.134. I casi totali, invece, sono 86.498 (compresi deceduti e guariti).

coronavirus Reina
coronavirus

I pazienti in terapia intensiva salgono a 3.732. Dei 66.414 malati complessivi, 36.653 sono in isolamento domiciliare e 26.029 sono ricoverati in ospedale con sintomi. Ancora una volta, la regione del nostro Paese più colpita la Lombardia, seguono Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Il totale dei tamponi effettuati su tutto il territorio nazionale è di 394.079. Questi, dunque, i dati ufficiali di oggi, venerdì 27 marzo, resi noti dalla Protezione Civile. L’invito rivolto a tutti, ovviamente, è sempre quello di restare a casa.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi di Coronavirus in Italia regione per regione:

  • Lombardia 37298 (+2409, +6.9%)
  • Emilia-Romagna 11588 (+772, +7,1%)
  • Veneto 7497 (+562, 8.1%)
  • Piemonte 7092 (+558, 8.5%)
  • Marche 3196 (+82, 2.6%)
  • Liguria 2696 (+129, 5%)
  • Campania 1454 (+144, 11%)
  • Toscana 3450 (+224, 6.9%)
  • Sicilia 1250 (+86, 7.4%)
  • Lazio 2295 (+199, 9.5%)
  • Friuli-Venezia Giulia 1317 (+94, 7,7%)
  • Abruzzo 1017 (+71, 7.5%)
  • Puglia 1334 (+152, 12.9%)
  • Umbria 884 (+82, 10.2%)
  • Bolzano 1003 (+97, 10.7%)
  • Calabria 494 (+101, 25.7%)
  • Sardegna 530 (+36, 7.3%)
  • Valle d’Aosta 452 (+44, +10.8%)
  • Trento 1391 (+94, 7.2%)
  • Molise 109 (+6, 5.8%)
  • Basilicata 151 (17, 12.7%)
TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 27-03-2020


Il rugby chiude la stagione, Malagò: “Molti sport faranno lo stesso”

Gravina: “Serie A a 22 squadre? Sarebbe ingestibile”