La Protezione Civile nazionale ha fatto il punto della situazione in merito all’emergenza Coronavirus in Italia. Ecco i dati ufficiali di oggi.

La Protezione Civile ha diramato il bollettino giornaliero per fare il punto della situazione in merito alla pandemia da Covid-19 nel nostro Paese. Sono 63.120 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il Coronavirus, 2.622 in più di ieri. Le vittime in un giorno sono state 415: in totale i morti a causa del virus sono 26.384. I casi totali, invece, sono 195.351 (compresi deceduti e guariti).

coronavirus ospedale ambulanza pronto soccorso

I pazienti in terapia intensiva scendono a 2.102 (71 in meno rispetto a ieri, un dato in calo costante negli ultimi giorni). Dei 105.847 malati complessivi, 21.533 sono ricoverati in ospedale con sintomi, mentre 82.212 sono in isolamento domiciliare. Ancora una volta, la regione del nostro Paese più colpita è la Lombardia, seguono Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Questi, dunque, i dati ufficiali di oggi, sabato 25 aprile, resi noti dalla Protezione Civile. L’invito rivolto a tutti, ovviamente, è sempre quello di restare a casa.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi di Coronavirus in Italia regione per regione:

  • Lombardia 71.969 (+713, +1%)
  • Emilia-Romagna 24.209 (+239, +1%)
  • Veneto 17.391 (+162, +0.9%)
  • Piemonte 24.426 (+604, +2.5%)
  • Marche 6.058 (+30, +0.5%)
  • Liguria 7.301 (+128, +1.8%)
  • Campania 4.299 (+17, +0.4%)
  • Toscana 9.015 (+138, +1.6%)
  • Sicilia 3020 (+39, +1.3%)
  • Lazio 6.224 (+92, +1.5%)
  • Friuli-Venezia Giulia 2.903 (+21, +0.7%)
  • Abruzzo 2.832 (+29, +1%)
  • Puglia 3.912 (+31, +0.8%)
  • Umbria 1.366 (+3, +0.2%)
  • Bolzano 2.476 (+20, +0.8%)
  • Calabria 1.088 (+9, +0.8%)
  • Sardegna 1.271 (+14, +1.1%)
  • Valle d’Aosta 1.100 (nessun nuovo caso)
  • Trento 3.838 (+62, +1.6%)
  • Molise 292 (+5, +1.7%)
  • Basilicata 361 (+1, +0.3%)
TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 25-04-2020


Saelemaekers: “Orgoglioso di far parte del Milan”

Pioli: “Con l’arrivo di Ibra ho cambiato modulo: ecco perché”