Intervista a Ricardo Kakà: “Il lavoro di Maldini è stato importante. E Ibrahimovic fa salire tutti di livello”.

In vista del derby di Milano, La Gazzetta dello Sport ha intervistato un grande ex rossonero che, nel corso della sua carriera, ha regalato più di una soddisfazione ai tifosi milanisti negli scontri con l’Inter: il brasiliano Ricardo Kakà.

“Due nomi per il derby? Facile. Ibrahimovic, il leader, e Lukaku, che fa sempre i movimenti giusti. È un giocatore molto intelligente. Il Milan ama giocare e divertirsi, l’Inter ha la faccia di Conte, che non molla mai. Vediamo i risultati. Vinciamo noi 2-1. Ma che fatica”. 

Kaka
Nella foto: Ricardo Kaka

Nel corso dell’intervista, Kakà ha parlato anche dell’attuale Milan: “Mi piace il mix di senatori e ragazzi. Quando sono arrivato ero giovane e ho trovato una struttura precisa che mi ha aiutato. È importante continuare. Mi pare che il fondo Elliott abbia dettato una linea giusta, che l’a.d. Gazidis sta mantenendo. Il lavoro di Maldini e prima anche di Boban è stato importante. Mi piace la linea verde del Milan, imparare dai più vecchi però è fondamentale. Senza quelli che ho incontrato a Milanello non sarei diventato quello che sono stato. I giovani non bastano? Mi pare evidente. Pensiamo al modello Arsenal. Bello, ma negli ultimi anni non hanno vinto nulla. Bisogna essere un po’ più concreti. Per me così funziona di più: senatori e giovani con un futuro di qualità”.

Una considerazione anche su Zlatan Ibrahimovic e Stefano Pioli: “Ibra fa salire tutti di livello, è pazzesco per motivazioni oltre che per qualità. Aiuta tantissimo i più giovani, fa crescere il gruppo, insegna agli altri a mantenersi ad alti livelli e toglie pressione. Il campionato sarà lungo e duro, scommetto che lui farà la differenza fino alla fine. È stato giusto confermare Pioli. Il Milan gioca un calcio divertente, ha idee chiare. La strada per tornare ai vertici è lunga, ma come dicevo è stata imboccata”.

TAG:
derby Ibrahimovic Milanello Ricardo Kakà

ultimo aggiornamento: 14-10-2020


Milan, la rassegna stampa: Pioli studia la formazione

L’infettivologo Galli: “Pessima l’idea di far giocare le nazionali”