Le dichiarazioni di Ignazio La Russa contro il ministro dello Sport: “Sta mettendo condizioni impossibili per poter dire ‘io l’avevo detto'”.

Tuttomercatoweb.com riporta le parole di Ignazio La Russa, il quale ha criticato apertamente l’operato del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora: “Negli altri paesi anche con un negativo si isola il singolo e si continua a giocare”, ha dichiarato parlando della ripresa dei campionati di calcio. “È quello che fanno altrove – ha aggiunto – ma noi non possiamo farlo? Poi il problema tampone, non arriviamo alla banalità di dire che il calcio deve usarli per ultimo, a loro spese possono usarli, facciamoli anche pagare di più e anzi diamoli a tutti i cittadini, si può fare. Non si può dare la responsabilità ai medici, la Serie A così viene messa in condizione di riprendere e fermarsi di nuovo dopo due settimane, così il Ministro dirà “io l’avevo detto”, certo, sta mettendo condizioni impossibili”.

Krunic Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

“Deve decidere poi il calcio se assegnare il titolo o meno, se fare i play-off o altro, non spetta al Governo ma solo al mondo sportivo. Lei – ha affermato riferendosi ovviamente al ministro Spadaforadeve solo mettere in condizione il Parlamento di decidere se il calcio, che è lo sport che dà più soldi all’Italia e aiuta tutti gli altri sport, può riprendere. E lei conosce bene il documento dell’Istituto superiore di sanità: fino ai 40 anni, senza malattie gravi pregresse, il tasso di letalità è zero! Se pensa alla sicurezza, deve guardare quel documento! Il tasso di letalità non può essere alto solo per il calcio”.

TAG:
Ignazio La Russa Vincenzo Spadafora

ultimo aggiornamento: 13-05-2020


Milan, Donnarumma e Raiola chiedono un progetto solido

Conferme dalla Spagna: Rangnick allenerà il Milan