Altro che “vecchio” e finito: Zlatan Ibrahimovic è in grande forma a macina chilometri oltre a lottare su ogni pallone.

Ibrahimovic è “vecchio”, non corre e non può giocare due gare ravvicinate. Niente di più falso e sbagliato. Ancora una volta, il campione svedese ha smentito e stupito tutti. Domani, contro il Torino, Zlatan giocherà la terza partita di fila in nove giorni, dopo il derby con l’Inter della scorsa domenica e il turno infrasettimanale di Coppa Italia con la Juve. Ibra non è come gli altri. Perché ama ancora le sfide, nonostante i 38 anni e la tante battaglie combattute in carriera. E non sente la fatica.

Massara Inter-Milan Zlatan Ibrahimovic Cagliari-Milan
Zlatan Ibrahimovic

Il fuoriclasse di Malmö sta tenendo un ritmo altissimo, ritmo che forse nemmeno lui pensava di poter sostenere. Ma il fisico di Ibrahimovic – come sottolinea La Gazzetta dello Sport – non ha mostrato il minimo segnale di cedimento. L’attaccante rossonero è in grande forma, lotta sempre su ogni pallone a macina chilometri: la sua media è di 8.7 a partita. In soldoni, Ibra corre quanto Samu Castillejo, giocatore che fa del dinamismo una delle sue armi migliori. Insomma, altro che “vecchio” e finito: guai a sottovalutare un extraterrestre come Zlatan. Il popolo milanista può continuare a godersi il suo campione: come detto, sarà titolare anche con il Torino.

Zlatan Ibrahimovic

ultimo aggiornamento: 16-02-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leao in salita: deve adattarsi al nuovo modulo

Verso Milan-Torino: previsti 45mila spettatori a San Siro