Intervista al premier Giuseppe Conte: “La risposta dei cittadini si sta confermando all’altezza delle difficoltà del momento”.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ad Affaritaliani.it: “Fino al 17 maggio saranno in vigore le misure contenute nell’ultimo Dpcm che, voglio ribadirlo, non significa un ‘liberi tutti’. Le Regioni ogni giorno ci forniranno i dati aggiornati, insieme a quelli sulla recettività delle strutture ospedaliere. Sono fiducioso che con il rispetto delle regole adottate, e con le rigorose norme sulla sicurezza previste nei luoghi di lavoro, la curva epidemiologica potrà ulteriormente rallentare in alcuni territori. Non ignoro le richieste di alcune regioni e di alcune particolari categorie di lavoratori di anticipare l’apertura delle rispettive attività. Siamo al lavoro anche per questo, avendo sempre come prioritario l’interesse generale della tutela della salute di tutti i cittadini”.

Giuseppe Conte

Il Premier s’è detto soddisfatto per come è andato il primo giorno della Fase 2 in Italia. “La strada è ancora lunga, ma l’Italia riparte. La risposta dei cittadini si sta confermando all’altezza delle difficoltà del momento, da Nord a Sud, da Milano a Roma, da Torino a Napoli, da Genova a Palermo. Gli spostamenti sui mezzi pubblici e il ritorno al lavoro di milioni di persone si stanno svolgendo senza eccessivi disagi. È un primo passo incoraggiante, ma non dimentichiamo che la strada è lunga e non dobbiamo mai abbassare la guardia”.

TAG:
coronavirus Fase 2 Giuseppe Conte

ultimo aggiornamento: 05-05-2020


Saelemaekers ha convinto il Milan: riscatto più vicino

Dirigente o allenatore? Ora Rangnick deve scegliere