Giovanni Galli ha espresso alla Gazzetta dello Sport la sua opinione sul Milan di Pioli, reduce dall’eliminazione in Europa League

Giovanni Galli, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha parlato della formazione rossonera, che insegue il riscatto in campionato dopo l’amarezza europea: “Quando esci a testa alta, e il Milan è l’unica italiana che può vantarsene, devi cogliere gli spunti che la partita ti ha dato. Il Milan si è dimostrato squadra viva, nonostante le assenze, con grande spirito di sacrificio da parte di tutti. Quando questo succede l’allenatore deve essere fiero della risposta che ha avuto: è un Milan pericoloso per questo, sa raccogliere anche le ultimissime energie che ha per portare a casa il risultato”.

Romagnoli e Dalot
Romagnoli e Dalot

“La squadra – ha proseguito Giovanni Galli – ha sempre saputo rialzarsi: dopo una partita no, in quella successiva torna a impressionare positivamente. Il senso del gruppo significa tanto: ho visto Calabria mezzala, Kessie e Ibra scambiarsi i rigori, Romagnoli star fuori e poi rientrare da migliore in campo. Ovviamente c’è dell’altro: una squadra tecnicamente e umanamente molto valida, da Kjaer a Ibra, da Kessie a Calhanoglu, e un allenatore bravissimo”.

TAG:
Giovanni Galli Milan Milanello rassegna stampa

ultimo aggiornamento: 21-03-2021


Milan: fuori Meite, dentro Tonali. Staffetta in mediana

Vlahovic al Milan? Forse è presto per il grande salto