Più no che sì: i vertici rossoneri vorrebbero convincere Paolo Maldini a restare, ma l’attuale responsabile dell’area tecnica sembra intenzionato a lasciare.

Il futuro al Milan di Paolo Maldini è sempre più incerto. L’ex capitano rossonero è rimasto al suo posto dopo l’addio dell’amico e braccio destro Zvonimir Boban, ma difficilmente resterà nella prossima stagione. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, l’amministratore delegato Ivan Gazidis e la proprietà stanno provando a convincerlo a rimanere, ma al momento è più no che sì, anche se nulla è definito. Certo, se davvero arrivasse Rangnick le possibilità che Maldini possa proseguire con il Milan si azzererebbero definitivamente.

Rangnick Elliott Ivan Gazidis Milan Allegri
Nella foto: l’a.d. rossonero Ivan Gazidis

Da giugno, dunque, la società di via Aldo Rossi potrebbe ripartire con una dirigenza tutta nuova, con la conferma, ovviamente, di Ivan Gazidis, che rimane l’uomo di fiducia del fondo Elliott. Boban è già stato allontanato, mentre Maldini – come detto – potrebbe lasciare il club a giugno. In dubbio anche la posizione di Frederic Massara: stando sempre a quanto riferito dal noto quotidiano sportivo, Hendrik Almstadt, manager vicino all’a.d. Gazidis, è pronto a ricoprire il ruolo di direttore sportivo. Occhio quindi alla possibile rivoluzione societaria. L’ennesima rivoluzione societaria. Il Milan potrebbe cambiare nuovamente pelle.

TAG:
Hendrik Almstadt Paolo Maldini

ultimo aggiornamento: 05-04-2020


Milan, Thiago Silva tornerebbe volentieri

Coronavirus, Conte: “Non sappiamo quando il lockdown avrà fine”