Lunga intervista di Adriano Galliani al quotidiano Libero. Ecco le parole dello storico, ex dirigente rossonero.

“Il mio rimpianto? Il gol, regolarissimo, annullato a Muntari in Milan-Juve del febbraio 2012”. Non ha dubbi, Adriano Galliani, intervistato da “Libero”. L’ex amministratore delegato rossonero ha poi aggiunto: “Se l’arbitro Tagliavento avesse convalidato il gol di Muntari avremmo vinto il secondo scudetto consecutivo con Allegri e sarebbe cambiata la storia”.

Da quella disgraziata stagione è cambiato tutto: “Non avremmo ceduto Ibrahimovic e Thiago Silva, due campioni che, a distanza di nove anni, ancora giocano ai massimi livelli. Saremmo potuti ripartire con il quarto grande Milan; soprattutto se mi avessero lasciato concludere l’acquisto di Tevez. Magari non avremmo venduto e forse oggi saremmo ancora lì”.

Zlatan Ibrahimovic
Nella foto: Zlatan Ibrahimovic

Il Milan, proprio con Ibrahimovic, potrebbe tornare a vincere lo Scudetto: “Il campionato quest’anno è una lotteria – ha dichiarato Adriano Galliani al quotidiano Libero – vince chi ha meno Covid. Ogni giorno è un bollettino di guerra. Ibra è un giocatore immenso. Non ha mai vinto il Pallone d’Oro? È rimasto incastrato nel dualismo Ronaldo-Messi. Era difficile entrare in questa logica. E poi bisogna vincere la Champions”.

TAG:
Adriano Galliani Ibrahimovic

ultimo aggiornamento: 23-11-2020


Hauge, gol e grinta: il Milan ha scoperto un gioiello

Reja non ha dubbi: “Ibra più completo di Cristiano Ronaldo”