Ecco quanto dichiarato da Massimo Galli in merito all’utilizzo del Green Pass nel mondo del calcio.

Intervenuto a Radio Punto Nuovo, il professor Massimo Galli, direttore malattie infettive all’Ospedale Sacco di Milano, ha dichiarato: “Giusto il Green pass obbligatorio per i calciatori professionisti, condivido la scelta della FIGC, servirebbe a tutti coloro che fanno sport di contatto, anzi sarebbe stata da attuare anche già prima. I problemi che ha creato non vaccinare tutte queste persone sono ben superiori. È un discorso di idoneità a determinate mansioni, non utilizziamo un concetto di obbligatorietà che creerebbe lungaggini enormi. Se fai il medico o l’infermiere e non sei vaccinato e puoi portare ai tuoi pazienti un’infezione, allora non sei idoneo alla mansione. Vale lo stesso per i calciatori, fai uno sport di contatto e collettivo e così ti metti nella miglior condizione possibile per non essere infettato e non infettare”.

palloni Serie A
palloni Serie A

Dalla Spagna: il Milan osserva il talento giapponese Kubo

Il calcio ai tempi del Covid: 25,2 miliardi di perdite