Gravina: "Chi vìola il protocollo rischia l'esclusione dal campionato"

FIGC, Gravina: “Chi vìola il protocollo rischia l’esclusione dal campionato”

Ecco le parole del numero uno della Federcalcio, Gabriele Gravina, dopo il consiglio odierno: “Oggi ha vinto il calcio in piena coerenza”.

Ecco le dichiarazioni rilasciate dal presidente della Figc, Gabriele Gravina, a margine del Consiglio Federale di oggi: “Le decisioni prese sono il risultato di una riflessione portata avanti con l’esigenza di chiudere i campionati. Abbiamo intenzione di farlo sul terreno di gioco. Abbiamo reinserito, come sistema di garanzia per il completamento del campionato, il ricorso a un format diverso, così come ha richiesto la UEFA, prima di fare il ricorso all’algoritmo. Partiamo il 20, dopo il primo trofeo post-Covid che è la Coppa Italia, con l’obiettivo di chiudere il campionato: sappiamo che ci possono essere dei rischi. Se entro il 10-15 luglio dovesse intervenire un blocco momentaneo del campionato, si ricorrerà a un format diverso: playoff o playout”.

calcio pallone Serie A Jovic

“Oggi ha vinto il calcio – ha aggiunto Gravina – in piena coerenza. Abbiamo deciso di non rimanere fuori dal piano internazionale. Sono convinto che ritroveremo un rapporto di compattezza. La Lega di A non esce sconfitta, anche se non sono state accolte alcune richieste, che non erano in linea con quanto stabilito il 20 maggio. Un mini torneo come playoff e playout è comunque meglio di un algoritmo”.

Per quanto riguarda la possibilità di alleggerire le quarantene, il numero uno della Federcalcio ha affermato: “Dobbiamo avere un confronto serrato con Speranza e Spadafora. Non so se le quarantene si possono alleggerire ma riteniamo che ci possano essere delle condizioni per evitare che il nostro campionato non vada avanti”. E se qualcuno dovesse violare il protocollo? “Sono previste sanzioni – ha dichiarato Gravina – che vanno dalla multa a punti di penalizzazione, fino all’esclusione del campionato, nel caso in cui ci dovesse essere un atteggiamento che va ad alterare il risultato sportivo”.

Aggiornato il: 08-06-2020