Le parole del numero uno della Figc, Gabriele Gravina: “Un campionato giocato sotto la linea del Rubicone, senza gare al nord, è una possibilità”.

Intervistato dal quotidiano La Repubblica, il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha parlato nuovamente della ripresa della Serie A. “È possibile un campionato senza gare al nord – ha dichiarato – quando il Paese tornerà a vivere e ci saranno le condizioni, tornerà anche il calcio. Il campionato va concluso, c’è tempo”.

Borrelli Cellino controlli sanitari coronavirus

Secondo Gravina, potrebbe essere complicato giocare nelle città più colpite dal Coronavirus, come Bergamo ad esempio: “Stesso discorso a Milano, a Brescia o a Cremona – ha precisato il numero uno della Figc – un campionato giocato sotto la linea del Rubicone, senza gare al nord, è una possibilità”.

Gli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità, però, sembrano scettici: “Ho massimo rispetto per la scienza, ma non possiamo mollare. Lavoriamo sulle modalità, non sulle tempistiche”.

Queste, invece, le considerazioni del ministro della Salute, Roberto Speranza sull’emergenza in Itali: “La situazione – ha affermato ai microfoni di La7 – è ancora seria, le misure stanno portando i risultati e grazie al comportamento degli italiani è stato possibile salvare migliaia e migliaia di persone ma serve essere realisti perché i sono numeri ancora seri e pesanti”.

TAG:
Gabriele Gravina Roberto Speranza

ultimo aggiornamento: 15-04-2020


Potere decisionale e rispetto del ruolo: ecco le condizioni di Maldini per restare

Coronavirus, il ministro Speranza: “Situazione ancora seria”