Celtic-Milan è finita con il risultato di 1-3. Ecco quanto dichiarato nel post partita dall’allenatore rossonero, Stefano Pioli.

È finita con il risultato di 1-3 la partita di Europa League Celtic-Milan. Ecco quanto dichiarato nel post partita dall’allenatore rossonero, Stefano Pioli.

Stefano Pioli
Stefano Pioli

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport ha affermato: “È stata una partita che abbiamo condotto bene, nella ripresa abbiamo perso qualche pallone in più e rischiato qualcosina. Era molto importante dimostrare di non essere una squadra normale. Una squadra normale dopo una vittoria prestigiosa mostrano meno determinazione, noi invece abbiamo approcciato bene. Vogliamo provare a vincere ogni singola partita”.

Ha quindi proseguito: “Tutti stiamo lavorando in un’unica direzione da più tempo, i giocatori si sentono parte integrante di questo ambiente, siamo una squadra molto giovane, dobbiamo migliorare ancora, ma il segreto è nel lavoro quotidiano, sacrificarsi e crescere. La proprietà ha confermato il nostro modo di lavorare, ha acquistato giocatori importanti e giovani promettenti. A Milanello stiamo veramente bene e sfruttiamo ogni singolo momento per cercare di crescere”.

Per poi aggiungere: “I risultati positivi ti danno forza e consapevolezza, ma sappiamo che arriveranno anche momenti delicati. Siamo una squadra molto giovane ma cominciamo ad avere personalità importanti. Donnarumma ha 21 anni ma ormai è una persona fatta e matura… Abbiamo figure importanti che ci possono aiutare, dobbiamo sfruttare anche i momenti difficili. Stiamo facendo bene perché non perdiamo neanche un istante del tempo che passiamo insieme e perché pensiamo che ogni partita che arriva è la più importante. Lunedì giocheremo contro la Roma che è una squadra incredibile, ci alleneremo bene per cercare di proseguire il nostro periodo positivo. La nostra svolta è arrivata da gennaio, abbiamo iniziato lì il nostro percorso, sono passati 10 mesi ma è ancora all’inizio. Per la coesione che c’è credo che sapremo anche superare i momenti difficili”.

Alla domanda su cosa manchi per puntare allo Scudetto ha poi risposto: “Stiamo facendo un lavoro in profondità in cui curiamo tutti gli aspetti, poi è la qualità dei giocatori che fa la differenza. Più alzeremo le qualità e più avremo le possibilità di vincere le partite, potremmo migliorarci anche con le prossime sessioni di mercato. Non dobbiamo avere fretta, il nostro è un percorso. È vero che ci sono 3/4 squadre più forti ma i pronostici non scendono in campo”.

TAG:
Europa League slider

ultimo aggiornamento: 22-10-2020


Celtic-Milan 1-3: primi tre punti in Europa League

Europa League, Kessié a Sky: “Pioli ha costruito una famiglia”