Sotto di due gol, il Milan ribalta con determinazione e qualità. Splende il talento di Hauge, autore di un gol e un assist.

Europa League, Milan-Celtic 4-2: i rossoneri superano gli scozzesi a San Siro e staccano il pass per i sedicesimi di finale della competizione in virtù della contemporanea vittoria del Lille contro lo Sparta Praga. Un’altra prova di maturità per la squadra di Pioli (tornato in panchina dopo essere guarito dal Covid): Donnarumma e compagni apertura vanno sotto di due gol dopo pochi minuti e perdono Simon Kjaer per infortunio, ma riescono a reagire e battere i bianco-verdi.

Jens Petter Hauge
Nella foto: Jens Petter Hauge

Il primo tempo di chiude sul risultato di 2-2, grazie ai gol di Calhanoglu (su punizione) e Castillejo. L’uno-due milanista tramortisce il Celtic, che fatica a rientrare in partita. Nella ripresa viene fuori il talento di Hauge. Il giovane norvegese realizza la rete (splendida!) del vantaggio, poi regala a Brahim Diaz il pallone del definitivo 4-2. Poker del Milan e discorso qualificazione chiuso con un turno di anticipo. Ora testa alla Sampdoria, avversario che i rossoneri, con ogni probabilità, dovranno affrontare senza Kjaer.

La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-12-2020


Europa League, Milan-Celtic: le formazioni ufficiali

Milan-Celtic, parlano Diaz e Hauge: intervista ai due giocatori nel dopo-partita