Nessuno ha rimediato più ammonizioni di Bennacer nel nostro campionato. Ma l’algerino è anche un giocatore di grande qualità oltre che di sostanza.

Tra le poche (pochissime!) certezze di questo Milan c’è Ismael Bennacer. Il giovane algerino è uno dei pilastri della squadra di Stefano Pioli, una pedina imprescindibile nello scacchiere tattico dell’allenatore emiliano. Dopo un inizio piuttosto complicato, l’ex Empoli è riuscito a imporsi diventando un titolare inamovibile.

Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

Bennacer è il regista della formazione rossonera, l’uomo d’ordine in mezzo al campo. Ma è un direttore d’orchestra “con la mannaia”, scrive Tuttosport. Definizione che calza a pennello. Il centrocampista, infatti, con ben dodici cartellini gialli (a fronte di meno di due falli di media a gara), è il giocatore più ammonito della Serie A. Dietro di lui ci sono De Roon, Bani, Nandez, Romero e Mancini con dieci ammonizioni, Pezzella, Hernani, Colley, Obiang e Cionek con nove.

Ma Bennacer – sottolinea Tuttosport – ha anche un’altra peculiarità: è fra i pochi capaci di effettuare più di due dribbling e due tackle a partita. Insomma, Ismael salta gli avversari e recupera palloni, dimostrando si essere un calciatore completo. Ovviamente, se riuscisse a controllarsi e a limitare un po’ la sua irruenza sarebbe meglio, ma è ancora giovane e ha tutto il tempo per migliorare determinati aspetti del suo gioco.

TAG:
Bennacer Serie A

ultimo aggiornamento: 26-03-2020


“Congelare” la classifica: questa è la posizione del Milan

Bollettino Coronavirus: 80.539 casi totali, 8.215 morti, 10.361 guariti