Derby, Ibra ci sarà. E Pioli pensa a un modulo diverso

Derby, Ibra c’è. E Pioli pensa a un modulo diverso

Lo svedese Ibrahimovic dovrebbe guidare l’attacco del Milan nel derby, con il tecnico rossonero che studia un sistema di gioco alternativo al 4-4-2.

Ibrahimovic in campo nel derby. C’è ancora un minimo di dubbio, legato al fatto che lo svedese non ha disputato la partitella con i compagni nel corso dell’allenamento di ieri. Zlatan, però, a differenza dei giorni precedenti, ha svolto tutto il resto della seduta (riscaldamento, parte tecnica e tattica) con il gruppo. Un evidente miglioramento – scrive La Gazzetta dello Sport – che fa impennare l’asticella dell’ottimismo.

L’influenza è ormai alle spalle e il polpaccio sta dando buone risposte. Solo oggi, comunque, avremo la certezza della presenza (o meno) di Ibra nel big match contro l’Inter. Pioli e lo staff medico rossonero – riferisce la rosea – hanno studiato attentamente il programma di rientro di Zlatan, in modo da riaverlo a disposizione ma senza correre rischi. Anche perché, subito dopo il derby, il Milan sfiderà la Juve nell’andata delle semifinali di Coppa Italia, altra gara che Ibrahimovic non vuole perdersi.

Stefano Pioli Milan derby

A proposito di Pioli, occhio alle possibili sorprese dal punto di vista tattico. Ieri, infatti, il mister ha provato pure il 4-2-3-1 (che diventerebbe 4-4-1-1 in fase di non possesso), con Samu Castillejo e Jack Bonaventura sugli esterni e Calhanoglu sulla trequarti, quest’ultimo incaricato di occuparsi in prima battuta di Brozovic, fonte primaria del gioco nerazzurro. Al momento è solo un’idea, ma chissà. .

Aggiornato il: 08-02-2020