In seguito all’aumento dei contagi da coronavirus tra i calciatori, si inizia a pensare ad alcune possibili soluzioni. Tra queste una “bolla” stile Nba.

In base a quanto si evince da Repubblica, si pensa ad una “bolla” stile Nba, onde evitare la diffusione del coronaviurs tra i calciatori. Al momento la riunione tra i medici sportivi delle 20 società non sembra aver fornito proposte utili e l’impressione è quella che mettere di nuovo mano al protocollo, possa finire per portare ad un nuovo stop del campionato.

coronavirus Reina
coronavirus

Proprio in questo ambito si inizia pensare all’ipotesi di una “bolla” stile Nba. In pratica tutte le squadre chiuse in ritiro, anche solo per due settimane, per uscire solo in occasione delle partite. Ma non solo, si effettuerebbe test ogni 4 giorni. In questo modo si potrebbe evitare di smaltire più velocemente i casi, evitando che se ne aggiungano altri.

Un’ipotesi che non sembra però trovare il consenso dei calciatori, con i club che sembrano essere dello stesso avviso. Allo stesso tempo continua a crescere la preoccupazione di un nuovo stop, con Figc e Lega calcio che vogliono proseguire con la linea di non fermare il campionato, in quanto uno stop finirebbe per avere conseguenze devastanti sull’intero movimento.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 12-10-2020


Milan, il probabile undici rossonero nel derby

Calciomercato Milan, ipotesi Mykolenko. Il calciatore ha la “benedizione” di Sheva