Le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza: “Viene prima la vita delle persone. Le priorità del Paese oggi sono altre”.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha parlato della possibile ripartenza dei campionati ai microfoni di Radio Capital: “Sono un grande appassionato di calcio – ha dichiarato – ma con più di 400 morti al giorno, con sincerità, è l’ultimo problema di cui possiamo occuparci. Viene prima la vita delle persone. Le priorità del Paese oggi sono altre. Lavoreremo perché a un certo punto si possa riprendere la vita normale”.

Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

A proposito della ripresa della stagione calcistica, quindi degli allenamenti, ecco le parole del professor Enrico Castellacci, ex medico della Nazionale: “Conosco il protocollo – ha affermato alla Domenica Sportiva, su Rai 2 – e mi sembrano linee guida rigide e scrupolose, come devono essere. L’attualità è più difficile: sicuramente è impossibile per la Serie C e per gran parte della B. Questi protocolli sono precisi e scientificamente non fanno una grinza, ma le linee guida devono essere fatte per essere concretizzate, altrimenti non hanno senso. Servono 50-60 stanze singole, spogliatoi per tutti. Chi non ce l’ha dovrà affidarsi ad alberghi, ma che siano nella prossimità del centro, come se fossero cittadelle chiuse. Il personale o rimane dentro per l’intero tempo d’isolamento, oppure il servizio alberghiero deve essere garantito dallo staff del club”.

TAG:
coronavirus Enrico Castellacci Roberto Speranza

ultimo aggiornamento: 20-04-2020


Galliani: “Finire i campionati è meglio che non giocare più”

Milan, budget da 130 milioni per Rangnick: quattro giocatori nel mirino