Coronavirus, Milanello blindato: niente interviste e visite degli sponsor

Coronavirus, Milanello blindato: niente interviste e visite degli sponsor

In seguito all’emergenza Coronavirus il centro sportivo del club rossonero è blindato, non consentendo interviste e nemmeno visite da parte degli sponsor.

L’allarme Coronavirus ha mandato in tilt il mondo del calcio. Numerose partite del campionato e anche le semifinali di ritorno di Coppa Italia sono state rinviate. Finalmente la Lega di Serie A ha fissato i recuperi e le squadre sono pronte a scendere in campo. Con il decreto ministeriale reso noto ieri, però, ricordiamo che fino al 3 aprile tutte le partite verranno disputate a porte chiuse.

Gazidis Jeremy Toljan Zaracho Baresi Kakà Alexis Saelemaekers florentino luis Brescia-Milan Borini Adnan Januzaj Andrea Conti Wesley Fofana Asmir Begovic Bentaleb Ibrahimovic Rebic Lobotka Ibrahimovic Jovic Bennacer Todibo Leonardo Mariano Diaz Caldara Rafael Leao Casa Milan Camavinga Caldara Dani Olmo

In occasione della partita Milan-Genoa, che avrà luogo domenica prossima alle ore 15 e non più alle 12.30 come inizialmente programmato, quindi, non vi saranno i tifosi a dare il loro apporto. San Siro risulterà pertanto blindato, così come lo è già Milanello. Il centro sportivo di allenamento dei rossoneri, infatti, vede la presenza solamente di pochi addetti ai lavori.

Come si evince da Sky Sport, non sono consentite interviste e sono state sospese anche le visite degli sponsor. I calciatori nel frattempo continuano ad allenarsi per prepararsi al meglio in vista dei prossimi match di campionato, in attesa di scoprire la data del recupero della partita di ritorno della semifinale di Coppa Italia contro la Juve.

Aggiornato il: 05-03-2020