Gravina e la fine dei campionati: "Abbiamo una dead line: il 30 giugno"

Gravina e la fine dei campionati: “Abbiamo una dead line: il 30 giugno”

L’emergenza Coronavirus rende impossibile stabilire se e quando si potrà concludere la stagione. Ecco le parole del presidente Gravina.

Il Corriere dello Sport ha intervistato il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, per fare il punto della situazione in merito allo stop imposto ai campionati a causa dell’emergenza Coronavirus. “L’evoluzione dell’epidemia – ha dichiarato il numero uno della Federcalcio – traccia un percorso chiaro. Siamo tutti coinvolti allo stesso modo. Nessuno può più pensare che questo sia un problema italiano. Il nostro Paese è solo due settimane avanti rispetto al resto d’Europa. Tutti dobbiamo mettere prima la salute e poi far prevalere il buon senso. E il buon senso dice che difendere un solo grande evento europeo, programmato per giugno, sarebbe un errore strategico. Non ci sono alternative. Ce lo dicono le proiezioni dei modelli matematici sullo sviluppo del virus. L’Europeo fa da tappo allo slittamento quasi certo di molti campionati. Se non togli il tappo, la bottiglia esplode, con il rischio di perdere tutto. Prima di dire che l’Europeo slitta ci vuole il sì delle altre Federazioni e ho fiducia di sì”.

Coronavirus Manolo Gabbiadini
coronavirus provetta

C’è una stagione da portare a termine, ma è difficile stabilire quando si potrà tornare in campo: “Io mi accontenterei di salvare la salute di tutti gli uomini di sport – ha affermato Gravina – poi ho fiducia di salvare anche i campionati. Abbiamo una dead line. È il 30 giugno. Scadono contratti, assicurazioni, licenze. Finisce l’anno calcistico. Andare oltre significa introdurre modifiche regolamentari del tutto eccezionali. Servono dai 45 ai 60 giorni. In due mesi portiamo tutto a termine con certezza. Se pure iniziamo a maggio, si può fare. Tutti pensano che l’unico problema sia quello di assegnare lo scudetto. Ma noi dobbiamo stabilire chi va in Champions e in Europa League, chi retrocede in B, chi sale in A, chi retrocede in C e chi sale in B. Penso che congelare una classifica sia un errore da evitare. Il valore della competizione va salvaguardato. Dobbiamo dare delle chance a chi ha investito tanto su un obiettivo sportivo. Vuol dire giocare il più possibile. Portarci avanti col campionato e finirlo, se possibile. E se non è possibile trovare una formula che salvi la competizione, come playoff e playout”.

Aggiornato il: 15-03-2020