Nel suo consueto discorso a Palazzo Chigi, il premier Giuseppe Conte ha confermato lo stop del Paese (calcio compreso) almeno per altre due settimane.

Avanti con le misure restrittive. Almeno fino al 13 aprile. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha parlato in conferenza stampa da Palazzo Chigi confermando la decisione del Governo di estendere nelle prossime settimane le limitazioni imposte a causa dell’emergenza Coronavirus. “Non siamo nella condizioni di poter allentare le misure restrittive – ha dichiarato – ho firmato il decreto che proroga tali misure al 13 aprile. Se noi iniziassimo ad allentarle, tutti gli sforzi sarebbero vani. Pagheremmo un prezzo altissimo, non siamo ancora in condizione di allentarle. La Pasqua è cara a tutti gli italiani, mi dispiace che capiti in questo periodo. Saremo purtroppo destinati ad affrontare questi giorni di festività con questo regime restrittivo”. 

spesa coronavirus

“Nel momento in cui i dati dovessero consolidarsi – ha aggiunto il Premier – programmeremo un allentamento delle misure. Ma non posso dirvi che sarà dal 14 aprile. Non siamo in condizioni di dirlo, ci confronteremo con gli esperti. Inizierà poi la fase due, che è quella di convivenza col virus. E poi la fase tre, quella dell’uscita dall’emergenza del virus. L’unica novità riguarda le sedute degli allenamenti degli atleti. Le abbiamo vietate per evitare che le società sportive possano pretendere la prestazione sportiva, anche solo per quanto riguarda l’allenamento”. 

TAG:
coronavirus Giuseppe Conte

ultimo aggiornamento: 02-04-2020


Milan, obiettivo Milik: possibile inserimento di una contropartita

Anche Ibra ha dubbi sul suo futuro: “Non so ancora cosa voglio”