Castellacci: "Visto le bare a Bergamo? Non si può pensare al calcio"

Castellacci: “Visto le bare a Bergamo? Non si può pensare al calcio”

Le parole dell’ex medico della Nazionale, Enrico Castellacci: “Ha poco senso voler ricominciare a tutti i costi gli allenamenti”.

“Chi ha visto portare via le bare da Bergamo non può pensare che il mondo del calcio sia più importante. Non è giusto”. Intervistato da Radio Sportiva, Enrico Castellacci ha parlato dell’emergenza Coronavirus. “Ripresa degli allenamenti nel calcio? Parlo con molta franchezza e durezza – ha aggiunto l’ex medico della Nazionale azzurra – ha poco senso voler ricominciare a tutti i costi gli allenamenti, anche frazionandoli cercando di tutelando i giocatori. Sono comunque un rischio. È tutto fermo, non ha senso etico voler tornare ad allenarsi prima degli altri. Vedo questa data non vicina”.

Cellino controlli sanitari coronavirus
controlli sanitari

Dichiarazioni che non fanno una piega. Questo, invece, il pensiero del presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero: “Qui parlano tutti, ma il problema è: quando ripartirà questa roba? Qualcuno ce lo può dire? No, non lo sa nessuno, tutti parliamo, tutti facciamo filosofia, tutti facciamo teoria, ma nessuno sa niente. C’è gente che muore, combattiamo una guerra che non si vede e parliamo di calcio? Ancora vogliamo parlare di calcio? Il Benevento che ha 69 punti che deve dire? Non può restare a guardare. Scudetto? So che Lotito mi odierà ma così è la vita, non è che siamo ad aver voluto questa disfatta. La prima adesso è la Juve? Per me finisce così, con queste posizioni. Questa è la direzione da prendere se vogliamo fare gli Europei. Perché se finiamo ad agosto poi che succede?”.

Aggiornato il: 25-03-2020