Berlusconi: "Coronavirus? Milano soffre ma non è in ginocchio"

Coronavirus, Berlusconi: “Milano soffre ma non è in ginocchio”

Intervista a Silvio Berlusconi: “Orgoglioso della mia città, della mia regione, del mio Paese per come stiamo affrontando questo disastro”.

“Milano soffre ma non è in ginocchio”. Lo ha dichiarato l’ex presidente del Milan, Silvio Berlusconi, ai microfoni del quotidiano La Stampa. Il Cavaliere, sempre in merito all’emergenza Coronavirus, ha aggiunto: “Sono orgoglioso della mia città, della mia regione, del mio Paese per come stiamo affrontando questo disastro”.

Cellino controlli sanitari coronavirus
controlli sanitari

Il leader di Forza Italia lancia anche una precisa stoccata all’attuale Governo: “Un Paese come l’Italia – ha affermato – dovrebbe avere al governo persone con maggiore esperienza, con un passato adeguato. Ma sono gli italiani ad aver portato quelle che ci sono ora a Palazzo Chigi, spero che in futuro ci ripensino”.

Sempre nel corso dell’intervista rilasciata al noto giornale, Berlusconi ha detto la sua anche sulla mancata solidarietà da parte degli altri Stati europei: “L’atteggiamento iniziale è stato deludente. Se l’Europa mancasse questa prova e non dimostrasse di essere una comunità solidale, fallirebbe per sempre”. I maggiori aiuti (per non dire gli unici) sono arrivati dai Paesi comunisti: “Siamo in guerra – ha affermato l’attuale proprietario del Monza – e ben vengano gli aiuti, anche se il nostro giudizio politico sul sistema comunista non cambia”.

Aggiornato il: 26-03-2020

Effettua il Login per commentare
  Iscriviti  
Notificami