Conferenza stampa di presentazione di Soualiho Meité: “Mi sono sentito subito dentro la squadra: con un gruppo così si possono fare grandi cose”.

Ecco le dichiarazioni rilasciate dal centrocampista del Milan, Soualiho Meité, nel corso della sua conferenza stampa di presentazione. “Un centrocampista deve sapere sia difendere che attaccare, a me piace giocare così, mi piace giocare tanti palloni. Ho sentito subito la compattezza del gruppo, parliamo tanto e mi è piaciuto molto. A Cagliari è stato bello l’ingresso in campo”.

“Il Milan è la squadra più forte in cui ho giocato, ci sono tanti campioni. Ibra fa cose incredibili a 40 anni. Io sono giovane e devo fare sempre di più. Per me è una grande occasione: se faccio bene posso cambiare la mia carriera. Questi mesi saranno molto importanti. Al Torino le cose non andavano bene, vincevamo poco. Dal punto di vista mentale non è stato facile”.

Soualiho Meite
Nella foto: Soualiho Meite

Si parla anche di Stefano Pioli: “Mi piace molto il suo modo di lavorare. Vuole che giochiamo sempre in avanti, è importante per un centrocampista come me. Ho scelto il 18 perché quando ho iniziato in prima squadra era il mio numero, quindi l’ho scelto ancora visto che mi aveva portato bene. La prima cosa che ho sentito quando sono arrivato al Milan è la compattezza del gruppo. Mi sono sentito subito dentro la squadra: con un gruppo così si possono fare grandi cose”.  

“Conoscere uno come Kessié è importante, mi aiuterà a inserirmi al meglio. Nel calcio c’è la concorrenza. Io devo pensare solo a lavorare bene e forte. Devo farmi trovare sempre pronto e cercare di conquistare il posto da titolare. Quando ha saputo del Milan ero molto contento. Mi cercavano altri club, ma quando ho saputo dell’interesse dei rossoneri sono voluto venire qui subito. Io il nuovo Desailly? Lo conosco bene essendo francese come me. Ha fatto grandi cose, io devo ancora scrivere la mia storia. Sono venuto qui per dare una mano alla squadra a restare prima in classifica”. 

TAG:
Milanello slider Soualiho Meité

ultimo aggiornamento: 20-01-2021


Milan-Tomori, ci siamo: in Italia tra oggi e domani

Cassano: “Il Milan è squadra. E che Calabria!”